Home Padovano Piovese Si va verso un ospedale moderno nel Piovese

Si va verso un ospedale moderno nel Piovese

Amministratori regionali e della Saccisica alla tradizionale Festa dell’Immacolata per fare il punto. Presentata la nuova Risonanza magnetica

Come da tradizione, in ospedale si è celebrata la Festa dell’Immacolata alla quale il nosocomio è dedicato. Come sempre si è trattato di un incontro corale al quale, oltre alla dirigenza sanitaria e agli operatori, hanno preso parte anche gli amministratori della Saccisica e le autorità militari cittadine. Erano presenti anche l’assessore regionale alla Sanità Manuela Lanzarin, il presidente della Quinta commissione Fabrizio Boron e il senatore padovano Antonio De Poli.

“La storia di 160 anni di questo nostro ospedale – ha ricordato il sindaco Davide Gianella in rappresentanza di tutti i colleghi – ha le sue fondamenta nella generosità dei cittadini con le loro offerte hanno permesso di comprarne i mattoni con i quali è stato costruito. Dopo anni interlocutori la nuova programmazione sanitaria rappresenta finalmente un primo punto di partenza per fare dell’Immacolata Concezione un moderno ospedale per acuti a servizio del territorio”. Dopo la messa celebrata dall’arciprete del Duomo, don Massimo Draghi, e i saluti di rito in sala Cappellari, la ricorrenza è stata caratterizzata dal taglio del nastro della nuova risonanza magnetica in dotazione al reparto Radiologia. Un investimento in tecnologia e adeguamento dei locali per quasi mezzo milione di euro.

“Lavoriamo – ha detto il direttore generale dell’Usl 6 Euganea Domenico Scibetta – per potere offrire una diagnosi e un’assistenza sempre più puntuali, più qualificate, più circostanziate e più personalizzate e quello in innovazione è uno degli investimenti che più ci piace. Significa essere al passo con i tempi, guardare il presente e il futuro con la consapevolezza di potere offrire il meglio”.

La nuova dotazione porterà a una migliore qualità diagnostica soprattutto negli esami body, mammella e colonna, a maggiore produttività grazie a scansioni più veloci e tempi d’indagine più brevi, e maggiore comfort per il paziente, la cui preparazione risulta più celere.

Inoltre la maggiore risoluzione strumentale consentirà esami della prostata, anche in diffusione, notevolmente migliorati a supporto di una diagnostica veloce e affidabile. Per non parlare degli esami dell’addome superiore e inferiore, della colonna in toto o dell’encefalo e del rachide che potranno essere eseguiti in una singola seduta, senza riposizionamento del paziente o delle bobine. La nuova Risonanza Magnetica consentirà anche di eseguire esami cardiologici complessi, permettendo di acquisire in modo non invasivo immagini delle arterie coronarie, e implementa sequenze 3D combinate con sistemi di navigazione respiratoria per la correzione del movimento in tempo reale.

Alessandro Cesarato

Le più lette