Home Rodigino Rovigo Una casa per gli anziani a Rovigo

Una casa per gli anziani a Rovigo

La 39enne Giulia Brognoli realizza il suo sogno di aiutare gli altri e trasforma la casa dei nonni situata tra le campagne ferraresi e quelle rodigine in una struttura per persone autosufficienti

Una casa, situata tra il verde delle campagne ferraresi e quelle rodigine, è stata trasformata da una 39enne rodigina, in una struttura adatta ad accogliere anziani autosufficienti.

In un momento come questo, dove la percentuale di over 65 è in continuo aumento in Polesine e le case di riposo pubbliche e private fanno sempre più fatica ad accogliere tutte le richieste delle famiglie con persone anziane, ecco che l’idea di una casa famiglia è quanto mai originale.

E così Giulia Brugnoli ha deciso di trasformare parte della casa dei nonni Elsa e Giannino in un posto dove poter accogliere fino ad un massimo di sei persone, come previsto dallo statuto delle case famiglia. Il nome dato al posto dice già molto sul soggiorno: Villa Armonia.

Al piano terra si trovano una sala per i pasti, la cucina e il soggiorno dove poter chiacchierare e guardare la Tv. Al primo piano ci sono le stanze da letto e i bagni, tutti dotati di massimo comfort e anche di ogni tipo di supporto, in caso qualche persona avesse ad esempio bisogno di una sedia, durante la doccia.

Nelle belle giornate, gli anziani possono passeggiare in giardino, raccogliere qualche frutto, accarezzare due simpatiche conigliette poste in un apposito recinto, oppure fare quattro chiacchiere, seduti su un dondolo o sulle sedie, davanti all’ingresso della casa. Nella stagione fredda come quella attuale, non mancano i momenti di aggregazione, come partite a carte, oppure la visione di qualche programma in televisione, la condivisione di colazione, pranzo, merenda e cena. Il tutto sempre in compagnia della padrona di casa Giulia, aiutata anche da mamma, papà e sorella.

“Mi piace lavorare a stretto contatto delle persone anziane – racconta Giulia, mentre è intenta a preparare del the con i biscotti “brutti” ma buoni, da lei cucinati poco prima -. Assieme alla mia famiglia ho pensato di creare una cooperativa, così posso anche assumere del personale che mi aiuti in qualche incombenza o che mi sostituisca durante la settimana. La casa è stata aperta nel mese di marzo di quest’anno, dopo essere stata inaugurata nell’ottobre 2018, alla presenza di sindaco e parroco. Finora mi ritengo soddisfatta di quello che sono riuscita a fare e a dare agli ospiti di Villa Armonia”.

Marco Scarazzatti

Le più lette