Home Veneziano Miranese Sud Bocciofila a rischio chiusura, è polemica a Mirano

Bocciofila a rischio chiusura, è polemica a Mirano

Bocciofila a rischio chiusura nel capoluogo: la polemica sul destino dell’impianto comunale di via Matteotti esplode dopo l’assemblea tra i soci, che ha evidenziato i debiti esistenti, la gestione in costante perdita, con le spese che non coprono le entrate, un contatore del gas piombato perché non sono state pagate le bollette, bagni e impianto elettrico da sistemare, tetto con travi portanti puntellati per problemi strutturali e nessuna manutenzione in programma.

La questione è stata portata in consiglio comunale da Giorgio Babato, che ha anche scritto una simbolica lettera a Babbo Natale da parte degli anziani soci del circolo: “A rischio – spiega Babato – non c’è solo il futuro del bocciodromo, ma un luogo di socializzazione e aggregazione, tra l’altro rivolto a una fascia delicata come quella degli anziani. Utilizzato, però, anche dagli studenti delle scuole e da gruppi di disabili. Le spese di gestione sono superiori alle entrate ed è però l’unica realtà, insieme a piscine e tennis club, ad avere intestate tutte le utenze. Mi domando se ci sia la volontà di salvaguardare questo luogo e questa attività”.

Per l’assessore Cristian Zara però la situazione delicata dell’impianto non è imputabile solo al Comune: “La gestione – spiega – negli ultimi anni ha guardato solo alla socializzazione, quando prima era molto altro. E nonostante ciò siamo intervenuti per garantirne l’attività: l’intervento di puntellatura è costato 48mila euro, ne servirebbero 800mila per un intervento definitivo di sistemazione di tutto l’impianto. Sinceramente diamo anche la priorità a impianti più utilizzati. Stiamo guardando oltre, sondando anche tra altre società sportive, perché quella struttura non sia lasciata in stato di abbandono e ci possa essere una co-gestione dell’impianto”.

Le più lette