Home Veneziano Chioggia Le critiche dell’opposizione chioggiotta: “Tanti proclami ma risultati non soddisfacenti”

Le critiche dell’opposizione chioggiotta: “Tanti proclami ma risultati non soddisfacenti”

Deciso il giudizio di Marcellina Segantin (lista civica “Chioggia Viva”): “Sono tanti i proclami dell’amministrazione, ma gli interventi portati a termine e le inaugurazioni di quest’anno non possono essere soddisfacenti. I progetti dei Patti Territoriali che dovevano essere attuati 3 anni fa sono ancora bloccati; è stato invece realizzato il punto di sbarco a Punta Poli che ha deturpato uno degli scorci più belli di Chioggia; serviva proprio?”. Critiche arrivano anche sul parcheggio scambiatore che a breve verrà realizzato all’isola dell’Unione.

“Immaginiamo l’impatto (dal punto di vista estetico) di una “scatola di ferro” realizzata all’interno di quella che dovrebbe essere una zona da sistemare sia per migliorare le strutture sportive presenti sia per la necessità di renderla più efficiente, magari con la realizzazione di un grande parcheggio interrato sull’esempio di interventi effettuati a Verona e in altre città importanti”.

Il tema che però preoccupa maggiormente il partito è il difficilissimo momento storico in cui si trovano a dover operare le attività produttive e commerciali della città: “Tutti gli aiuti ed incentivi promessi ai commercianti che hanno assoluto bisogno di sostegno? Proprio di questi giorni la notizia di altre attività storiche costrette a chiudere – prosegue la Segantin – E’ drammatico il dato relativo alle chiusure del 2019: ben 21! Attività commerciali che hanno chiuso i battenti e si sono arrese e dopo tre anni di trattative; non c’è stata la volontà di giungere ad un accordo con gli operatori del settore turistico e balneare per il contenzioso Tari”.

“Con tutti i fondi che il Comune ha a disposizione dovremmo avere il Corso del Popolo, il centro di Sottomarina il Lungomare puliti, curati, pieno di fiori e di arredi tali da renderli accoglienti invece ad ogni interrogazione la risposta è sempre la stessa, che a breve partiranno i lavori oppure che ci stanno lavorando, peccato che sono già passati 4 anni”.

Diretto anche il commento finale verso quelli che il M5S reputa come iniziative di successo: “il vero problema della città sembra essere il fumo in spiaggia e la circolazione dei risció! Si vogliono consentire le tensostrutture in spiaggia d’inverno quando durante la stagione estiva è guerra fredda contro ogni tipo di intrattenimento rivolto ai giovani”.

Le più lette