Home Padovano Piovese Rifiuti, gestione condivisa con i cittadini di Piove di Sacco

Rifiuti, gestione condivisa con i cittadini di Piove di Sacco

Gestione dei rifiuti condivisa a Piove di Sacco
Gestione dei rifiuti condivisa a Piove di Sacco

Una gestione condivisa con la cittadinanza della tariffa sui rifiuti. È la strada che intende percorrere l’amministrazione in previsione della definizione della nuova Tari. Anche per questo motivo, a seguito delle direttive dell’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente di ridefinizione dei criteri di calcolo dei costi efficienti e di investimento per il servizio integrato di gestione dei rifiuti, la prima rata, con scadenza il 29 febbraio, sarà emessa a titolo di acconto sulla base delle tariffe applicate nel 2019.

“Successivamente – spiega il vicesindaco Lucia Pizzo – si procederà a conguaglio calcolando la tariffa in base al Piano economico finanziario che sarà approvato entro la fine di aprile. Avvieremo, a questo scopo, una consultazione pubblica per l’aggiornamento delle regole di gestione della Tari e del regolamento comunale per l’adesione alla pratica dell’autocompostaggio domestico dei rifiuti che evita il conferimento dell’umido”.

Gli utenti del servizio possono già avanzare le loro proposte all’indirizzo: tributi@comune. piove.pd.it. Anche quest’anno, da marzo ad ottobre, solo per le utenze domestiche, sarà possibile ritirare gratuitamente all’ecocentro il “compost” sfuso per orti e giardini.

“In questi giorni – continua il vicesindaco – sono stati aggiornati i requisiti e le condizioni familiari per la graduatoria utile per l’esonero dal pagamento della tariffa rifiuti. Si è adeguato il limite Isee per ricomprendere un maggior numero di single o famiglie in difficoltà economica, con particolare riferimento ai disabili ed alle famiglie numerose”. È già in distribuzione, porta a posta, l’EcoCalendario (è disponibile anche nel sito del Comune) che quest’anno contiene il “differenziario”, un elenco alfabetico delle principali tipologie di rifiuto domestico e le indicazioni per una sua corretta differenziazione.

“Dal 2018 – ricorda la Pizzo – non sono conteggiati gli svuotamenti per la frazione del verde e dell’umido. Sono conteggiati solo gli svuotamenti del secco e quindi il relativo bidone conviene esporlo solo quando è pieno. Nel calendario è poi indicata il giorno di ogni mese dedicato alla raccolta gratuita dei rifiuti ingombranti a domicilio”.

Le più lette