Home Trevigiano Treviso Ovest Treviso-Ostiglia: incrocio messo in sicurezza

Treviso-Ostiglia: incrocio messo in sicurezza

Treviso Ostiglia uno dei percorsi ciclopedonali più lunghi d’Italia

Treviso-Ostiglia sempre più sicura. Il Comune ha risolto il nodo dell’incrocio tra l’ex ferrovia, oggi uno dei percorsi ciclopedonali più lunghi d’Italia, e le strade di via Ciardi, via San Cassiano e via Baracca. Fino a qualche tempo fa per pedoni, runner e ciclisti non era esattamente una passeggiata attraversare il nastro d’asfalto che in quel punto taglia in due la Treviso-Ostiglia.

Adesso, invece, lo si può fare in modo sicuro. Lungo via Baracca, laterale che si innesta su via San Cassiano, è stato realizzato un percorso protetto che porta a un attraversamento pedonale. Da qui si raggiunge il pezzo di pista ciclabile dall’altra parte della strada, che conduce direttamente alla rampa verso l’altro tratto della Treviso-Ostiglia. Sempre lungo via San Cassiano ci saranno anche altri lavori.

Il Comune, infatti, ha raggiunto il primo posto nella graduatoria stilata dalla Provincia per l’assegnazione di un contributo destinato alla messa in sicurezza delle strade. L’intervento finanziato è quello che porterà alla sostituzione dell’incrocio tra via San Cassiano, via Castellana vecchia e via Biasuzzi con una nuova rotatoria. L’importo complessivo dei lavori è pari a 590mila euro. Il Sant’Artemio metterà di tasca propria 115mila euro. Il resto dovrà arrivare dalle casse del Comune. In graduatoria c’è anche il Comune di Morgano. Il municipio si è visto assegnare 97.500 euro a fronte di un progetto da 195mila euro per realizzare una pista ciclabile lungo via Sant’Ambrogio a Badoere, partendo dalla TrevisoOstiglia, e una nuova rotatoria al posto dell’incrocio tra la stessa via Sant’Ambrogio, via Zeriolo e via Statue.

Mauro Favaro

Quinto: con la Treviso-Ostiglia si punta sulla sicurezza stradale

Le più lette