Home Veneziano Miranese Sud Tutte le opere pubbliche del 2020 di Spinea

Tutte le opere pubbliche del 2020 di Spinea

Gli assi portanti degli interventi sono la rivisitazione dell’asse stradale all’incrocio Santi Vito e Modesto e via Matteotti a Fornase. In programma l’eliminazione del semaforo mentre la strada sarà a doppio senso

Cantieri a Spinea
Cantieri a Spinea

Nel piano delle opere pubbliche, previste per il 2020, tra le somme stanziate ci sono: 400 mila euro per la realizzazione della palestra polivalente, area palestra Belfiore. 600 mila euro saranno investiti nella riqualificazione intersezione di piazza Marconi che prevede anche l’eliminazione del semaforo.

200 mila euro andranno alle asfaltature delle strade comunali e delle frazioni e 150 mila alla sistemazione dei marciapiedi. Altri 250 mila euro andranno nelle manutenzioni straordinarie del piazzale dei Giovani, (parcheggio stadio Allende).

“Il bilancio segue le linee e azioni strategiche del Dup – dice Edmondo Piazzi vicesindaco con delega al bilancio e al patrimonio – ovvero il programma politico della nostra amministrazione per il quinquennio, con le varie priorità (alta, media e bassa). Il nostro programma prevede il proseguimento di alcune attività impostate dalla passata amministrazione, mentre altre sono state cassate (ad e esempio il Centro culturale in Piazza Marconi). Gli assi portanti sono: la rivisitazione dell’asse stradale incrocio Santi Vito e Modesto e via Matteotti Fornase.

La viabilità sarà completamente modificata con l’eliminazione del semaforo e via Matteotti a doppio senso, verificatane la sostenibilità progettuale. Una nuova scuola media moderna, con palestra sostituirà la Media Ungaretti, un nuovo ecocentro con la dismissione dell’attuale, la riqualificazione delle piazze Marconi e Fermi, con un “sistema di piazze” comunicanti”. Manutenzione straordinaria degli edifici scolastici e ristrutturazione di strutture e spazi di proprietà comunale anche con destinazione sportiva, acquisizione del cinema “Bersaglieri”, che diventerà un polo culturale, creazione di nuovi parchi attrezzati e manutenzione straordinaria di quelli esistenti e il completamento del sistema “piste ciclabili”. Tutto questo senza trascurare l’ordinaria amministrazione di scuole, verde pubblico, arredo urbano, viabilità, illuminazione, per citare le principali.”

Sempre per il 2020, le uscite del Bilancio di previsione, al netto delle anticipazioni finanziarie e servizi per conto terzi, evidenziano un’importante spesa per le politiche sociali, pari al 21,43% della spesa complessiva. Si evidenzia la spesa del 23% per le spese istituzionali che comprendono anche il costo delle risorse umane. La raccolta rifiuti rappresenta il 91% delle attività di politica ambientale.

Il diritto allo studio pesa sul bilancio di circa il 7%. Lo stanziamento per i trasporti e diritto alla mobilità è complessivamente investito al 100% per gli interventi sulla viabilità. Le entrate complessive, al netto delle anticipazioni di cassa e delle partite di giro ammontano a 17.500.000 euro circa, di cui il 79% sono entrate da tributi propri e dal fondo di perequazione Roberta Pasqualetto

Le più lette