Home Rodigino Rovigo A Rovigo uno stadio compatibile con l’ambiente

A Rovigo uno stadio compatibile con l’ambiente

Un progetto avveniristico vede lo stadio Gabrielli al centro di un’ipotesi di ristrutturazione, secondo canoni e principi moderni, che permettono uno sviluppo e un adeguamento ecocompatibile con l’ambiente.

Stadio Rovigo calcio
Stadio Rovigo calcio

L’impianto sportivo del Rovigo Calcio diventerà così un punto d’incontro di aziende e marchi, nonché di relazioni commerciali, al fine di agevolare un equo contemperamento di interessi, tra i soggetti che faranno parte del progetto Rovigo e che intendono partecipare alla ristrutturazione dello stadio. Punto fondamentale per i giovani calciatori e le loro famiglie. Strumento essenziale per l’organizzazione di eventi sportivi per l’intera collettività.

Gli obiettivi del nuovo stadio di Rovigo

Finalità di questa operazione è la creazione nella vecchia struttura, di un centro ricreativo ed espositivo, con un’ala destinata a diventare un museo. Le società che intendono partecipare al progetto, come sponsor o partnership commerciali, sono: Immobiliare Benasciutti con sede in Ferrara, società immobiliare Kgsn con sede in Svizzera, società di trading commerciale Conforti, Barbara Stein leader nella comesi.

Ci sarà infine un’operazione sul marchio sviluppo del merchandasing, in collaborazione con Italian independent group di Lapo Elkann, per la promozione e valorizzazione della società, del territorio e dei luoghi turistici, al fine non solo dello sviluppo del marchio, ma anche di pubblicità dell’immagine di della Regione Veneto.

Il patron Roberto Benasciutti è l’ideatore del Progetto Nuovo calcio a Rovigo, l’avvocato Massimiliano Vissoli è indicato come coordinatore-amministratore, Giuseppe Calabria presidente del Rovigo Calcio, Monica Nale coordinatrice e vicepresidente della società calcistica del capoluogo, Silvio Conforti consulente finanziario e societario per il Rovigo Calcio, Luca Reale presidente e responsabile tecnico del settore giovanile.

(ma.sc.)

Le più lette