Home Padovano Padova Nord Case popolari a Cadoneghe, nuovi criteri in graduatoria

Case popolari a Cadoneghe, nuovi criteri in graduatoria

La giunta di Cadoneghe assegna i punti per i residenti da almeno 10 anni, per i nuclei monoparentali e altri casi sociali

cadoneghe
cadoneghe

In arrivo nuovi criteri per gli alloggi popolari: punti ai residenti da 10 anni, ai genitori soli, agli italiani rientrati dall’estero e alle famiglie in difficoltà. La giunta ha ripartito gli 8 punti di competenza comunale: 4 punti ai nuclei familiari residenti da 10 anni nel Comune di Cadoneghe;

2 punti ai nuclei monoparentali per affido esclusivo, decesso o abbandono dell’altro genitore; 1 punto agli emigrati italiani rientrati in patria dopo essere stati residenti all’estero per almeno 5 anni; 1 punto ai nuclei familiari, noti ai Servizi sociali, che abbiano riscontrato difficoltà nel pagamento dell’affitto nei 12 mesi precedenti la pubblicazione del bando.

Il compito di redigere i bandi è stato affidato tramite convenzione ad Ater. Sono in media 15 all’anno le famiglie che si presentano ai Servizi Sociali. “Abbiamo messo mano ai criteri – afferma il sindaco Schiesaro – dopo un’analisi approfondita delle situazioni di difficoltà.

Sono in media 15 all’anno le famiglie che si presentano ai Servizi Sociali

Se da un lato rivolgiamo una maggiore attenzione ad alcuni casi particolari rispetto a quelle già previste dalla norma regionale, dall’altro abbiamo voluto premiare chi per molti anni ha vissuto, lavorato e pagato le tasse nel nostro Comune, e troppo spesso si vede passare avanti chi è arrivato qui magari da pochi giorni.

Quella di includere la nuova vita in arrivo nello stato di famiglia è una forma di rispetto e sostegno alla natalità, tra le priorità della nostra azione amministrativa. Ci è poi sembrato giusto inserire un piccolo incentivo al rientro in Italia dei nostri giovani. L’esclusione dei condannati è una questione basilare di giustizia: prima dei diritti esistono i doveri, e chi non rispetta le regole della società non può pretendere gli stessi aiuti di chi lavora onestamente tra mille difficoltà”.

Nicoletta Masetto

Le più lette