Home Veneziano Cavarzere Elena Guzzon, con “Avanti un altro” star di Cavarzere

Elena Guzzon, con “Avanti un altro” star di Cavarzere

Elena Guzzon, 32 anni, di Cavarzere vince 26mila euro nella celebre trasmissione televisiva “Avanti un altro” lo scorso 17 febbraio e viene accolta come una star in paese.

Elena Guzzon
Elena Guzzon

L’abbiamo incontrata per farci raccontare la sua avventura televisiva. Elena, quando e perché hai preso la decisione di iscriverti al programma televisivo “Avanti un altro”? “Ho sempre avuto la passione per i giochi televisivi, grazie anche a mia nonna con la quale li guardavo tutti. In passato ho partecipato anche alla Ruota della fortuna, vincendo, all’Eredità e infine ad Avanti un altro, vincendo nuovamente”.

Sei stata accompagnata da qualcuno? “No, ma per scelta mia. È vero che me lo hanno comunicato qualche giorno prima della partecipazione, ma è anche vero che volevo arrivare lì concentrata, senza alcuna distrazione. Ci sono diversi momenti nei quali non mi piace condividere troppo le mie emozioni, sono il mio segreto”.

Quando le telecamere erano spente, in fase di preparazione, come si è presentato il dietro le quinte? “Nel dietro le quinte mi sono divertita tantissimo, conoscendo un sacco di belle persone che non mi aspettavo mai di poter incontrare. Non solo concorrenti ma pure lo staff in generale è risultato cordiale, divertente e disponibile.

Elena Guzzon: ” Non mi aspettavo di vincere”.

Dal pubblico ho avuto molto sostengo, e dopo la vincita in molti sono venuti a complimen- tarsi. Erano davvero contenti della mia vincita, e non me lo sarei mai aspettata”. Come descriveresti Luca e Paolo? “Paolo lo avevo già incontrato, dato che spesso viene nell’alber- go dove io lavoro. Una persona gentile e alla mano. Può risultare arrogante apparentemente ma lo fa sempre in buona fede, senza metterci mai cattive intenzioni.

Luca? È uscito pochissimo durante le prove. L’ho visto e conosciuto nel momento in cui mi sono trovata là davanti”. Cosa ti è rimasto di più da quest’esperienza? “La sorpresa e la fiducia verso me stessa, dato che non penso mai di essere capace di fare certe cose. Non mi aspettavo di vincere. Anche nei giorni precedenti facevo esercizi di memoria, esercizi di concentrazione, ma conoscendomi, sapendo di essere una persona spesso distratta, non mi aspettavo la vittoria.

Mi sono stupita di me stessa, della calma che mi è stata padrona in quel momento”. Come sei stata accolta dopo la vittoria? “In modo magnifico, quanto affetto. Le tre realtà alle quali sono legata, Cavarzere dove sono vissuta, Adria dove mi sono poi trasferita e ora Venezia dove conservo il mio cuore, mi hanno trasmesso tutta la loro ammirazione e partecipazione, complimentandosi più volte. Anche questa manifestazione di interesse sincero è una delle cose più belle che mi sia rimasta di quest’esperienza fantastica”.

Samuele Contiero

Le più lette