Home Padovano Bassa Padovana Coronavirus, chiusi gli sportelli Acquevenete di Monselice e Rovigo

Coronavirus, chiusi gli sportelli Acquevenete di Monselice e Rovigo

Coronavirus, anche Acquevenete da oggi chiude tutti gli sportelli, compresi quelli delle sedi principali di Rovigo e Monselice.

Massima tutela per la salute delle persone, senza far venir meno il servizio agli utenti. Con questi obiettivi, a seguito dell’evoluzione dell’epidemia di Coronavirus e sulla base delle nuove limitazioni imposte dai Dpcm dell’8 e 9 marzo, Acquevenete ha deciso di chiudere al pubblico tutti gli sportelli, a partire da oggi: saranno operativi tutti i canali “a distanza” per consentire comunque agli utenti di svolgere le proprie pratiche.

Gli utenti avranno a disposizione il numero verde del Servizio clienti e Sportello telefonico 800991544, attivo da lunedì a venerdì, dalle 8 alle 20 e il sabato dalle 8 alle 13; la casella email richieste@acquevenete.it; lo Sportello Online accessibile dal sito www.acquevenete.it o scaricando l’App Acquevenete per smartphone.

Acquevenete, come fare le pratiche durante la chiusura

Gli utenti che avessero pratiche urgenti e improrogabili, che richiedono necessariamente di essere svolte presso lo sportello, potranno telefonare al numero 0429787600 e richiedere un appuntamento presso gli sportelli di Monselice e di Rovigo.
In questi ultimi due giorni agli sportelli di Monselice e Rovigo ci sono stati ancora numerosi accessi da parte di utenti che non avevano oggettivamente pratiche così urgenti da motivare uno spostamento, in violazione delle limitazioni imposte dalle autorità a tutela della salute pubblica. acquevenete ha quindi deciso di ridurre al minimo i contatti, a tutela sia degli operatori sia degli utenti, in linea con le indicazioni delle autorità sanitarie e con la priorità dell’azienda di coniugare la continuità del servizio con la massima tutela della salute di tutte le persone. Contemporaneamente, acquevenete si è organizzata per potenziare lo smart working, garantendo in questi giorni di emergenza a gran parte del personale la possibilità di lavorare dal proprio domicilio.

Marco Scarazzatti

Le più lette