Home Padovano Padova Padova, Giordani consegna il Sigillo della Città al questore Paolo Fassari

Padova, Giordani consegna il Sigillo della Città al questore Paolo Fassari

Consegnato dal Sindaco Sergio Giordani, questa mattina al questore Paolo Fassari il Sigillo della Città alla presenza del Prefetto Renato Franceschelli e del presidente della Camera di Commercio Antonio Santocono

Il sindaco di Padova Sergio Giordani consegna il Sigillo della Città al questore Paolo Fassari
Il sindaco di Padova Sergio Giordani consegna il Sigillo della Città al questore Paolo Fassari

Dichiara il sindaco di Padova Sergio Giordani: “Questa mattina, assieme al Prefetto Renato Franceschelli e al presidente della Camera di Commercio Antonio Santocono, ho incontrato il questore Paolo Fassari che nei giorni scorsi è stato trasferito a Roma ad altro incarico per consegnargli il Sigillo della Città , come segno concreto di ringraziamento e apprezzamento per il lavoro svolto a Padova in questi due anni e mezzo. Anche grazie al suo impegno è diventato realtà il progetto della Nuova Questura di Padova in Via Anelli ed è stato aperto il nuovo ufficio immigrazione alla Stanga”.

Padova, Giordani ringrazia Fassari per il servizio svolto per la comunità patavina

“Inoltre è stato messo a punto il protocollo del “Controllo di vicinato” che ha creato una proficua collaborazione tra i cittadini e le Forze dell’Ordine. Nel suo incarico, ha affrontato la gestione di tutti quei fenomeni sociali che caratterizzano le grandi città, con buon senso e pragmatismo. Con Paolo Fassari non solo io, ma tutte le Istituzioni cittadine, abbiamo avuto un ottimo e proficuo rapporto di collaborazione e la sua improvvisa partenza dispiace sinceramente – ha continuato il primo cittadino -. Personalmente, sono molto grato dell’amicizia che mi ha accordato, grazie alla quale ho potuto apprezzare meglio le sue doti umane e professionali. Padova lo ringrazia e non mancherà di accoglierlo con amicizia quando i suoi impegni gli permetteranno di ripassare nella nostra città”.