Home Veneto Attualità Regione Veneto, l'assessore allo Sviluppo economico visita tre aziende del trevigiano

Regione Veneto, l’assessore allo Sviluppo economico visita tre aziende del trevigiano

“Realtà eccellenti, il panico non ha sfiorato la determinazione dei nostri imprenditori. Questi sono i veneti nei giorni del coronavirus”

L'assessore allo Sviluppo economico Roberto Marcato
L’assessore allo Sviluppo economico Roberto Marcato

“Non riesco a cancellare dalla mente questa frase: il lavoro per me non è mai stata una fatica’.

La ha ripetuta ieri un imprenditore trevigiano, illustrandomi la sua azienda in piena attività.

Questi sono in Veneti nei giorni del Coronavirus. Gente che non si è fermata per un attimo, che non si è fatta contagiare dal panico, lavorando come e più di sempre”.

Questo il commento dell’assessore regionale allo Sviluppo Economico, all’indomani di una serie di visite istituzionali che lo hanno portato in Provincia di Treviso per incontrare titolari e personale di alcune realtà imprenditoriali. Insieme al collega Presidente della 6° Commissione Consiliare, nell’arco del pomeriggio, infatti, ha visitato la Biemmereti-Sogno Veneto di Sernaglia della Battaglia, la Eclisse Spa e la Padoin Stampi di Pieve di Soligo. Le ultime due aziende, quest’anno, celebrano rispettivamente il trentennale e il cinquantenario dalla fondazione.

Le parole dell’assessore allo Sviluppo economico della Regione Veneto:

“Ho conosciuto tre grandi realtà, simbolo eccellente di quella passione per il lavoro e fare impresa che per noi veneti è quasi una religione – sottolinea l’Assessore -. Tre aziende meravigliose, tutte nate nel garage di casa e oggi, nei rispettivi settori, leader a livello mondiale”.

“In giorni come questi dove la paura innescata dal virus ha creato difficoltà nei rapporti con altri paesi, ho avuto la conferma che la produzione da noi non si è mai fermata e, anzi, i nostri imprenditori hanno cercato anche soluzioni alternative. Queste realtà sono l’ennesima prova della capacità straordinaria di reazione, della determinazione e della voglia di lavorare degli imprenditori veneti. Sono un patrimonio umano e morale inestimabile che in questi giorni complessi deve trovare le corrette risposte a livello centrale perché rappresenta il carburante della locomotiva di tutto il paese”.