Home Trevigiano Zero Branco: “Adotta una telecamera” ora si inizia

Zero Branco: “Adotta una telecamera” ora si inizia

Annunciato qualche mese fa, il progetto è pronto a partire. A cittadini o gruppi di Zero Branco è proposto di comprare una telecamera

Zero Branco
Zero Branco

“Adotta una telecamera”. È questo il nome del programma lanciato dalla giunta del sindaco Luca Durighetto nel contesto del programma Sicurezza partecipata.

L’idea era stata messa in cantiere qualche mese fa. E adesso si è passati dalle parole ai fatti. Resta da capire quanti cittadini aderiranno alla proposta.

Il progetto prevede che i residenti a Zero Branco, anche riunendosi in gruppi, diano il loro contributo diretto allo sviluppo del sistema di videosorveglianza, acquistando di tasca propria un occhio elettronico da donare al Comune.

Quest’ultimo è pronto a installarlo a proprie spese sui lampioni del paese per rendere il territorio attorno alle abitazioni dei donatori sempre più sicuro. Le telecamere in questione, infatti, verranno piazzate sulla strade dove si affacciano le case di chi le ha comprate, cedendo la possibilità di vedere le immagini alla polizia locale e a tutte le altre forze dell’ordine che dovessero farne richiesta.

“Adotta una telecamera a Zero Branco”, le parole dell’amministrazione comunale

“Il limite della partecipazione dei privati alla videosorveglianza sta nel fatto che le loro telecamere non possono inquadrare direttamente strade o piazze pubbliche – fanno il punto dalla maggioranza comunale –. In questo modo, invece, chi lo desidererà avrà la possibilità di installare un occhio elettronico sulla propria strada. E le immagini, che non potranno essere visibili ai privati, verranno controllate dalla polizia locale. Così facendo si aggira il nodo, aumentando la sicurezza di tutti”.

Dal municipio anticipano anche le possibili polemiche sull’iniziativa, attraverso la quale di fatto si chiede ai cittadini di comperarsi le telecamere: “Se il costo di un apparecchio viene diviso tra gli abitanti di una strada, alla fine le singole quote possono essere molto contenute. Ciò consente di controllare nel migliore dei modi in particolare i quartieri che hanno solamente alcune strade di accesso – sottolneano sempre dalla maggioranza –. Oltre a questo, il Comune non smetterà di sviluppare il sistema di videosorveglianza. Si dà semplicemente una possibilità in più”.

Al momento Zero Branco conta una dozzina di occhi elettronici attivi sul territorio. Inizialmente ne verranno installati altre cinque. Ma l’obiettivo finale è quello di raddoppiarli, investendo qualcosa come 40mila euro.

“Sono comprese le telecamere che leggono le targhe, segnalando in tempo reale i veicoli senza assicurazione, quelli senza revisione e quelli rubati – concludono dal municipio – e allo stesso tempo andremo a tenere sotto controllo anche le zone dei cimiteri”.

Mauro Favaro

Le più lette