Home Rodigino Adria Adria, speranza per la scuola Marino Marin

Adria, speranza per la scuola Marino Marin

La partita continua a giocarsi sulla possibilità di riaprire la sezione staccata della scuola media “Marino Marin” a Bottrighe nell’edifico che già ospita la primaria “San Giovanni Bosco”.

Istituto Marino Marin
Istituto Marino Marin

Il Comune aveva chiesto all’ufficio scolastico territtoriale competente per Padova e Rovigo quali adempimenti servissero per riaprire la scuola di Bottrighe e a chi spettasse la scelta. Ufficio, che a firma del dirigente Roberto Natale, ha risposto al Comune confermando che la procedura di richiesta inoltrata era corretta e che le sezioni staccate costituiscono punti di erogazione del servizio, quindi necessaria una delibera di giunta che approvasse una proposta da mandare in Regione. Ciò è stato affermato con soddisfazione dal primo cittadino Omar Barbierato che ha ricevuto questa comunicazione dopo che il 23 dicembre scorso la Regione del Veneto aveva bocciato la richiesta dell’amministrazione comunale.

Adria, istituto Marino Marin: parla Barbierato

“Confermata la correttezza della procedura inoltrata- ha detto il sindaco- interpelleremo ancora la Regione perché ci dia una risposta chiara”. Altresì “La possibilità- ha detto Barbierato- che la scuola riapra dopo così tanto tempo non si può calcolare, ma se si riapre dovranno dirci come, qui sarà l’ufficio scolastico territoriale a fare le sue valutazioni. Se non si riaprirà, dovranno dirci il perché. Ognuno prenderà le proprie responsabilità”. Sul parere negativo espresso a suo tempo dal consiglio dell’Istituto Comprensivo “Adria Uno”, per il primo cittadino “trattasi di una valutazione che non tronca l’iter, in quanto riguarderebbe il carico di lavoro ed altre valutazioni interne alla scuola”.

Intanto, in attesa della possibilità di riapertura della scuola media, il comune ha messo a disposizione uno scuolabus per gli alunni di prima e seconda media, su richiesta inoltrata un anno e mezzo fa da parte dei genitori e che sarà utilizzato da quindici famiglie. “Bottrighe- ha sottolineato il sindaco- è una comunità di oltre duemila abitanti ed i numeri per classe e plesso sarebbero garantiti. Se vogliamo far ripartire il paese, dobbiamo far ripartire la scuola”. Da parte del Gruppo Genitori Scuole di Bottrighe non si è mai persa la speranza di far rinascere la scuola media. Gruppo che ha svolto molti lavori di sistemazione e ammodernamento dell’edifico scolastico, grazie a volontari, con il contributo di varie aziende locali. Il Comune ha rifatto i bagni.

Il Gruppo ha ora in animo di valorizzare il giardino grazie ad un bando del Csv e con Legambiente per renderlo unico nel suo genere.

Roberto Marangoni

>rmprometeo@libero.it<

Le più lette