Home Rodigino Adria Coronavirus, Adria: continua l'erogazione dei buoni spesa

Coronavirus, Adria: continua l’erogazione dei buoni spesa

Continua l’erogazione dei buoni spesa per Coronavirus da parte del Comune di Adria alle famiglie adriesi. Ne parla l’assessore Moda

Sandra Moda
Sandra Moda

”Abbiamo evaso 306 domande delle 359 arrivate-rende noto l’assessore ai servizi sociali Sandra Moda-. Il 90 % degli utenti che hanno fatto richiesta dei bonus sono sconosciuti ai servizi sociali. L’importo fino ad ora speso è di 40mila euro dei circa 108mila 314,40 euro, destinati sia per l’acquisto di prodotti alimentari e sia per generi di prima necessità”.

Coronavirus, Adria: seconda tornata dei buoni spesa

“La prima fase di consegna è stata effettuata dal personale del comune, poiché era importante relazionare con gli utenti – prosegue Moda- In questi giorni inizieremo con una seconda tornata dei bonus, su rivalutazione da parte degli uffici che stanno controllando le varie condizioni economiche, per poi procedere con un protocollo concordato con croce Verde, che recapiterà direttamente a casa degli utenti i bonus spesa che potranno essere spesi anche nelle farmacie di Adria per acquisti di farmaci, ma non per prodotti di cosmesi”.

“Un lavoro eccezionale da parte dell’assessore Moda e degli uffici servizi sociali in questo momento di emergenza sanitaria. Un impegno quotidiano che risponde ai bisogni delle tante famiglie e persone che stanno vivendo queste settimane difficili -commenta il sindaco Omar Barbierato che conclude – i complimenti vanno inoltre a tutte quelle persone che stanno lavorando per la “raccolta Adria for Adria, emergenza Coronavirus”.Iniziativa resa possibile dall’azione sinergica tra amministrazione civica, i volontari della consulta del volontariato, gli esercizi pubblici aderenti, le Caritas locali e i tanti cittadini che hanno espresso la loro solidarietà depositando una parte della loro spesa nei carrelli posizionati alle casse dei market. 580 Kg di prodotti raccolti nei primi 18 giorni, poi distribuiti dai volontari alle famiglie segnalate dai servizi sociali”.

Le più lette