Home Rodigino Adria Coronavirus, Adriashopping: "Esiste un piano che favorisca la ripresa?"

Coronavirus, Adriashopping: “Esiste un piano che favorisca la ripresa?”

L’associazione Adriashopping scrive al sindaco di Adria Omar Barbierato in merito ad un piano per la ripresa dopo l’emergenza Coronavirus

Adriashopping scrive al Comune di Adria
Adriashopping scrive al Comune di Adria

Di seguito riportiamo la lettera di Mauro Tombini, portavoce di Adriashopping indirizzata al sindaco di Adria Omar Barbierato.

Coronavirus, la lettera di AdriaShopping al sindaco di Adria Omar Barbierato

“Carissimo Sindaco,
a seguito di domande pressanti e innumerevoli idee e proposte suggeritemi provenienti dalla base dell’Associazione Adria Shopping, che al momento rappresento, mi vedo obbligato a porvi qualche domanda e quesito relativo al gravissimo momento che stiamo attraversando sotto il profilo globale e in particolare commerciale, relativamente alla grave situazione locale!
A fronte del fondamentale valore del comparto commerciale adriese, di cui noti sono i risvolti, penso anticipatamente Lei possa condividerne i contenuti, fondamentalmente ove fornire risposte certe e concrete agli associati e non, la domanda principale è la seguente: Esiste un piano che favorisca la ripresa dopo il cataclisma che ci ha colpiti?

Se sì, gradiremmo essere edotti quanto prima, così da predisporre la più fattiva collaborazione al fine del bene comune del settore commerciale di questa amministrazione, nonché nel piano dei servizi a favore della comunità.
Detto questo, carissimo Sindaco, mi permetto di ricordarLe che il settore commerciale adriese, già colpito gravemente da crisi retroattiva, andrà sicuramente incontro ad ulteriore catastrofica situazione con chiusure di molte attività e difficoltà ciclopiche per chi avrà il coraggio di riaprire i battenti. In conseguenza di tutto ciò, faccio appello alla sua sensibilità e capacità di escogitare le soluzioni più appropriate perché Adria non perisca definitivamente del tutto.

Lungi da me il volermi sostituire alle Sue decisioni (e dei Suoi collaboratori) di quanto i commercianti adriesi suggeriscano per galvanizzare sul piano pratico ogni benefica espressione atta a una più benefica e incisiva vitalità commerciale degna della sua antica memoria:
1) Posticipare IMU e TARI a novembre (come da facoltà concessaLe governativamente)
2) Aiuti concreti e tempestivi a favore di tutta la categoria commerciale.
3) Sospensione temporanea spese occupazione suolo pubblico per tutto l’anno 2020.
4) Riduzione al minimo (previsto per legge) di sanzioni, eventualmente comminate ai commercianti.
5) Parcheggi gratuiti per tutto l’anno 2020 per motivare i cittadini a frequentare il centro storico e non.

Certo di una Sua tempestiva risposta, a nome dell’Associazione Adria Shopping, Le porgo i più cordiali saluti”.

Le più lette