Home Veneziano Cavarzere Coronavirus, Cavarzere: rinviati i pagamenti dei tributi locali

Coronavirus, Cavarzere: rinviati i pagamenti dei tributi locali

L’amministrazione comunale di Cavarzere ha rinviato le scadenze dei principali tributi locali per agevolare la cittadinanza data l’emergenza Coronavirus

Comune di Cavarzere

“Dal momento che con i recenti provvedimenti confluiti nel DL “Cura Italia” lo Stato non ha dettato disposizioni specifiche per i tributi locali (sospensioni, rinvii) né ha ancora attribuito la possibilità ai Sindaci di intervenire in maniera sostanziale nell’eventuale individuazione di categoria di utenti da agevolare per il pagamento degli stessi, l’Amministrazione Comunale di Cavarzere ha comunque deciso di dare un segnale di vicinanza ai propri cittadini, predisponendo un provvedimento organico di rinvio delle scadenze deiprincipali tributi” è questa la comunicazione fatta da sindaco e amministrazione comunale di Cavarzere.

Coronavirus, il rinvio dei tributi a Cavarzere

– Tari, rinviata scadenza al 30 giugno;
– Cosap: rinviata scadenza al 30 maggio per passi carrai ed altre occupazioni permanenti; rinviata scadenza al 30 giugno per mercato e ambulanti;
– Imposta sulla Pubblicità, termini prorogati al 30 giugno.

“L’intento è quello di uscire dal momento emergenziale e dar modo ai livelli centrali di chiarire modalità e risorse per gli enti locali per far fronte all’emergenza. Nel bilancio approvato ieri dal Consiglio Comunale sono rese operative anche altre misure di sostegno per la popolazione, quali i buoni spesa m di recente introdotti dal Governo e una misura pensata ed introdotta ante crisi che consiste nell’ esenzione dall’Irpef comunale per i redditi sotto gli 8000 euro, misura frutto di un confronto con le parti sindacali, sempre con l’obiettivo del sostegno delle fasce più deboli. Del tutto nuova anche la norma introdotta sempre nel nuovo Bilancio Comunale che prevede lo sgravio dall’imposta sui rifiuti per i prossimi 5 anni per le attività produttive che dovessero scegliere di insediarsi nelle nostre aree – ha continuato l’amministrazione- . Queste sono le modalità, le uniche possibili in questo momento, per dire ai nostri cittadini che noi ci siamo e stiamo valutando ulteriori possibilità di sostegno possibili per superare, assieme, questo momento di crisi”.

Le più lette