Home Padovano Coronavirus, Piove di Sacco: "Noi estetiste dimenticate dallo Stato"

Coronavirus, Piove di Sacco: “Noi estetiste dimenticate dallo Stato”

Riceviamo e pubblichiamo il messaggio di Arianna, titolare di Estetica Soffio di Bellezza di Piove di Sacco, sulla riapertura rimandata per Coronavirus

Estetica
Estetica

“Sono Cattaldo Arianna titolare di Estetica Soffio di Bellezza faccio parte della categoria piccoli imprenditori/artigiani, quella categoria dimenticata dallo Stato e messo in coda a tutte le riaperture. Meglio una gita al museo che una pedicure non solo fatta a livello estetico ma anche per necessità di malessere fatta in un ambiente pulito e disinfettato, abbiamo sempre utilizzato nei nostri centri guanti e mascherine e disinfettanti a volontà! Ho aperto il mio centro circa 7 anni fà a Piove di Sacco (Pd) mi sono “buttata” in questa avventura a 23 anni senza alle spalle una famiglia che mi supportava anzi erano tutti contro, in questa avventura fatta di sacrifici, tanti pianti ma anche soddisfazioni.

Ad oggi mi ritrovo in questo maledetto periodo con il negozio chiuso da tre mesi, affitto da pagare, dipendenti che non sono riuscita a pagare il mese di Marzo,la cassa integrazione che non arriva, loro mi chiedono un anticipo giustamente per le sue necessità ma soldi non nè ho. Io compresa ho le spese di casa quindi un altro Affitto da pagare,rata della macchina, leasing dei macchinari del centro da pagare, tasse, bollette e non recepisco 1 € da tre mesi, il mio fidanzato in cassa integrazione quindi recepisce metà stipendio. Genitori alle spalle che ci aiutano non nè abbiamo e risparmi da parte ancora meno.

I 600€ dello Stato non sono ancora arrivati dopo 2 mesi dalla richiesta, anche per poterci fare una spesa in più.Sono disperata, esaurita ed esausta.Vorremmo che le nostre urla servissero ad una data di anticipo dell’apertura perché possiamo garantire la sicurezza ai nostri dipendenti,clienti e a noi.Mi aggrapperò con denti e unghie e voglio metterci ancora una volta la faccia per riuscire a ripartire in Primis per mè stessa e i miei sacrifici,per riuscire garantire il lavoro alle mie dipendenti e per ringraziare le mie clienti che mi aspettano e mi supportano!”.

Le più lette