Home Veneziano Miranese Sud Coronavirus, Spinea: come richiedere il buono spesa

Coronavirus, Spinea: come richiedere il buono spesa

Il Comune di Spinea rende note le modalità di richiesta del buono spesa per Coronavirus e i criteri di accesso a tale sussidio

Buoni spesa
Buoni spesa

Sono 9 al momento le attività di Spinea che hanno aderito alla richiesta di disponibilità di accettare i buoni spesa . Per la maggior parte sono grandi catene di distribuzione presenti nel territorio comunale, ma hanno aderito anche alcuni piccoli esercenti nelle fraioni. Alcune attività commerciali propongono inoltre un ulteriore sconto del 10% sul buono spesa.

Il modulo per i cittadini sarà disponibile a breve anche nel sito e potrà essere recapitato al comune a mano o preferibilmente via mail. Sarà necessario scaricare il modulo compilarlo anche a mano, completo di autocertificazione e documento di identità, fotografarlo e inviarlo a urp@comune.spinea.ve.it . Gli uffici preposti poi contatteranno telefonicamente o via mail i cittadini che avranno inviato il modulo.

A seguito dell’ordinanza della Protezione Civile di qualche giorno fa (n 658 del 30 marzo) ciascun Comune ha dovuto fissare dei criteri, in base alle somme che il Governo ha erogato, nel caso di Spinea 148.358,97 euro.

Coronavirus, Spinea: criteri per beneficiare dei buoni spesa

– Sono esclusi i nuclei familiari composti esclusivamente da pensionati o dipendenti pubblici

– Il nucleo al momento della domanda dovrà disporre di un’entrata mensile netta pro-capite massima di 250 euro, tolte tutte le entrate di qualsiasi natura [cit. il nucleo familiare al momento della domanda deve disporre di una entrata mensile netta pro-capite pari a € 250,00 (duecentocinquanta/00), intendendo con questa la somma di tutte le entrate di qualsiasi natura (compresi vitalizi, pensioni di invalidità, bonus, ecc) detratte le spese per locazioni, ratei mutui o prestiti dalla quale risulta una differenza che va suddivisa per i componenti del nucleo familiare;]

– Il nucleo deve essere titolare al 31.3.2020 di giacenze del conto titoli di importo inferiore ai 5.000 Euro.

– Nella gestione delle risorse verrà data priorità ai nuclei non assegnatari di sostegno pubblico (Naspi, Cig, Rei, Rdc, ecc).

– Verrà richiesta un’autocertificazione (con allegata copia della carta di identità), che non comporta quindi la presentazione dell’ISEE, sui cui verranno fatti dei controlli a campione e si dovrà presentare una sorta di “lista della spesa” effettuata (verranno successivamente richiesti gli scontrini), relativa al diligente utilizzo del buono.

Coronavirus, Spinea: come sarà suddivisa l’entità del buono spesa

  •  Nucleo familiare di 1 persona, 4 buoni da 50 euro ciascuno, per complessivi 200 euro
  • Nucleo familiare di più membri: 4 buoni da 50 = 200 euro, più ulteriori 2 buoni per un valore di 100 euro complessivi dal secondo al quarto componente, un ulteriore buono da 50 per ogni componente dal quinto in poi
  • Particolari esigenze, valutate dai Servizi Sociali, per nuclei già beneficiari di altri contributi economici prevedono un’erogazione di 2 buoni da 50 ciascuno per un valore complessivo di 100 euro

Le più lette