Home Veneziano Miranese Sud Coronavirus, Spinea: controlli a tappeto

Coronavirus, Spinea: controlli a tappeto

Anche a Spinea continuano i controlli a tappeto e le sanzioni della Polizia Locale per limitare i contagi da Coronavirus

controlli municipali
controlli municipali

Prosegue il presidio del territorio da parte della polizia dell’Unione, impegnatissima a far rispettare le limitazioni della circolazione previste dalle ordinanze di Stato e Regione per cercare di fermare l’epidemia da Covid19. Sono imponenti, in questo caso, i numeri che il comandante Michele Cittadin comunica sul numero di agenti impegnati, le persone fermate e le sanzioni comminate nei 5 Comuni appartenenti all’Unione dal 17 marzo al 6 aprile.

Impiegati in questo lavoro di controllo ben 166 pattuglie, per un totale di 332 agenti, che hanno fermato 1.016 persone e verificato 6.454 esercizi commerciali. Nonostante si sia per lo più invitato a rispettare le norme, piuttosto che sanzionare, queste sono state le sanzioni comminate: 27 persone sanzionate ex art.4 DL 19/2020, 4 persone denunciate ex artt. 495/496 CP, 1 persona denunciata per altri reati collegati al Covid19.

Il sindaco di Spinea, Martina Vesnaver: “Stare fermi è l’unico modo per sconfiggere il virus”.

“Dispiace leggere questi numeri – commenta la presidente dell’Unione, Martina Vesnaver, sindaco di Spinea – è troppo importante che i nostri cittadini comprendano tutti al più presto la fondamentale importanza dello stare a casa. Non è facile, lo sappiamo, e ogni situazione personale è diversa da un’altra, tutti abbiamo motivazioni più o meno valide per muoverci sul territorio. Purtroppo, però, stare fermi è anche l’unico modo per sconfiggere questo virus che ci sta tenendo in scacco già da troppo tempo”.

E’ di ieri pomeriggio, mercoledì 8 aprile, l’ennesima violazione di uno dei parchi chiusi al pubblico a Spinea:
un equipaggio della polizia locale dell’Unione Comuni del Miranese, impegnato in servizio emergenza covid19, ha identificato e sanzionato 4 persone che si trovavano nell’area del Parco Nuove Gemme di Spinea. Dapprima 3 ventenni (un italiano e due stranieri regolarmente soggiornanti sul territorio italiano) e subito dopo una cittadina italiana residente a Spinea.

Alle persone sopra menzionate è stata applicata la sanzione amministrativa pecuniaria per violazione dell’ordinanza del Ministero della Salute, oltre alla diffida verbale a non ripetere l’accesso al parco. Nella stessa circostanza è stato avvisato anche il comune di Spinea di disporre la chiusura del cancello di accesso sito in via Pascoli. “Insisto nel chiedere il rispetto delle regole – conclude Martina Vesnaver – come vedete i controlli ci sono e le sanzioni pure, e in alcuni casi piuttosto salate. Stiamo a casa”.

Le più lette