Home Veneziano Riviera del Brenta Dolo: il deposito Actv sarà spostato verso la bretella est

Dolo: il deposito Actv sarà spostato verso la bretella est

Avm ha messo nel proprio bilancio 2,5 milioni di euro. Si aggiungeranno 200 mila della Città Metropolitana

Autobus
Autobus

Al via l’iter per lo spostamento a Dolo del deposito Actv dal centro del paese. Ad annunciarlo nel corso di un consiglio comunale, nelle scorse settimane è stato l’assessore all’urbanistica del Comune Matteo Bellomo. Bellomo ha annunciato come l’annoso problema del deposito Actv alla porta est di Dolo, sia prossimo alla risoluzione.

Spostamento a dolo del deposito Acvt, parla l’amministrazione

“In questi anni – ha spiegato l’assessore- abbiamo lavorato con assoluta determinazione e senza clamore per giungere allo spostamento del deposito degli autobus di via Matteotti. Grazie alla disponibilità di Avm, Actv e Città Metropolitana di Venezia abbiamo raggiunto un importante accordo: il nuovo deposito sorgerà lungo la bretella est in direzione casello autostradale. Finalmente, dopo decine di anni, nel corso dei quali si è cercata invano una soluzione, libereremo Dolo da questo impattante impianto che dal punto di vista ambientale, paesaggistico e sociale non è più compatibile con il vicinato e con la vocazione turistica del nostro territorio”.

Nel concreto Avm sta completando la progettazione preliminare del nuovo deposito nell’area individuata, di concertocon l’amministrazione comunale e ha già messo nel proprio bilancio 2,5 milioni di euro, ai quali si aggiungeranno i 200mila euro già a bilancio della Città Metropolitana. A carico del Comune ci sarà l’acquisto dell’area e le prime opere di urbanizzazione. Appena il progetto sarà completato, saranno effettuati i carotaggi sul terreno e saranno compiute tutte le ultime verifiche, si procederà alla sottoscrizione di un accordo di programma. Sull’area dell’attuale deposito, di proprietà di Avm, a oggi non è prevista alcuna edificazione.

“In queste settimane- ha concluso l’assessore Bellomo- abbiamo dato indicazioni al progettista anche per la riqualificazione di Foro Boario, la quale seguirà un iter separato rispetto a quello previsto per lo spostamento del deposito. I principi cardine di quel progetto, prevedono la sistemazione del parcheggio, la “protezione” della riva, l’interramento dell’area di raccolta rifiuti e la piantumazione di diverse essenze arboree”. Lo spostamento dell’Actv era atteso da anni da residenti ed associazioni del territorio e si spera possa pricedere celermente.

Alessandro Abbadir

Le più lette