Home Padovano Bassa Padovana Monselice: la cementeria di nuovo attiva

Monselice: la cementeria di nuovo attiva

Nel comune di Monselice si attendono le decisioni della commissione consiliare temporanea e il riesame dell’autorizzazione per l’attivazione della cementeria

cementeria Buzzi Unicem
cementeria Buzzi Unicem

Dopo sette settimane di fermo lavori, la cementeria Buzzi Unicem ha ripreso la sua attività le scorse settimane. Durante lo stop tecnico di quasi due mesi, la società ha provveduto a una serie di interventi di manutenzione straordinaria sull’impianto di cottura. In una nota inviata a Palazzo Tortorini la stessa Buzzi Unicem ha sottolineato che, prima della ripartenza del sistema, “saranno eseguite tutte le prove necessarie alla messa in sicurezza del nuovo filtro a maniche”.

Questo filtro è stato, infatti, installato in sostituzione all’elettrofiltro presente in precedenza con lo scopo di diminuire la quantità delle emissioni di polveri e aumentare la sicurezza dell’impianto. E proprio la mancata sostituzione di questo filtro aveva suscitato dei dubbi da parte dell’Amministrazione della Rocca anche un anno fa, allertati da una nube fuoriuscita dalla cementeria.

Cementeria di Monselice: la mancata installazione del filtro nel 2014

L’incidente, che aveva alimentato ancor più le preoccupazioni circa la qualità dell’aria a Monselice, aveva spinto il comune a rivolgersi a Provincia, Ulss e Arpav per chiedere delucidazioni in merito. Tra le diverse contestazioni presentate dagli amministratori locali agli enti preposti, anche il mancato rispetto della prescrizione Aia che imponeva l’installazione di un nuovo filtro entro il 2014.

La decisione da parte della Buzzi Unicem è arrivata a distanza di 5 anni, riaprendo il tavolo della discussione. La commissione consiliare temporanea cementeria, appositamente co- stituitasi a Palazzo Tortorini,si riunirà non appena cessata l’emerenza Coronavirus. All’ordine del giorno anche le possibili future strategie adottabili e una eventuale richiesta formale di riesame dell’Aia da inviare alla provincia di Padova.

Martina Toso

Le più lette