Home Padovano Padova Padova: imprenditrice dona 1000 uova di Pasqua alle famiglie

Padova: imprenditrice dona 1000 uova di Pasqua alle famiglie

L’imprenditrice Vanessa Beghin acquista 1000 uova di Pasqua da donare ai bambini della provincia di Padova

Vanessa Beghin
Vanessa Beghin

L’imprenditrice padovana Vanessa Beghin di Tiemme Corporate di San Martino di Lupari, promotrice di Imprese Unite (https://impreseunite.com) portale dell’imprenditoria veneta, ha lanciato in questi giorni una campagna di solidarietà nei confronti delle tante mamme e bambini della provincia di Padova, costrette nelle ultime settimane ad affrontare da sole la pratica quotidiana del distanziamento sociale seguito alla scoppio della pandemia Covid-19 in Italia.

“Le mamme e i bambini sono i primi soggetti deboli che dovrebbero essere tutelati dallo stato in situazioni di crisi ed isolamento sociale come quello odierno” afferma la mamma/imprenditrice. “I bambini, le mamme e i genitori stanno affrontando una prova incredibile e non mi sembra che ci sia la giusta e sacrosanta attenzione da parte delle principali istituzioni e del mondo dell’informazione mainstream” continua Vanessa.

Un gesto di solidarietà anche nei confronti di tutte le mamme

Solo nella Provincia di Padova ci sono 44.627 bambini dai 0 ai 5 anni, che diventano 97.480 se si sommano i minori dai 6 agli 11 anni (dati 2018 https://ugeo.urbistat.com/AdminStat/it/it/demografia/eta/padova/28/3)

E conclude: “ho deciso di promuovere un’iniziativa solidale rivolta alle mamme con figli piccoli della Provincia di Padova. Le mamme e i bambini stanno vivendo in maniera ‘eroica’ questa drammatica situazione: l’isolamento, la quarantena e il distanziamento sociale sono delle prove durissime da affrontare – soprattutto – per i bambini. Ho acquistato 1000 uova di Pasqua che voglio donare proprio a loro: un gesto simbolico per far sentire vicinanza e solidarietà a queste fasce deboli che poi rappresentano il Futuro del Paese. E chissà che nella sorpresa non ci sia anche il ritorno progressivo alla normalità e la fine della pandemia.”