Home Padovano Camposampierese Est Polizia locale del Camposampierese: ora maggiore efficacia

Polizia locale del Camposampierese: ora maggiore efficacia

E’ stata annunciata una vera e propria rivoluzione nella polizia locale del Camposampierese.

Dopo l’uscita di Trebaseleghe, la giunta della Federazione dei Comuni presieduta dal sindaco del Comune di Massanzago Stefano Scattolin, composta da dieci sindaci per un territorio di competenza popolato da 88.222 abitanti, ha affidato al comandante Antonio Paolocci un progetto per razionalizzare le forze e rendere più visibile l’azione dei vigili.

“Un cambiamento condiviso da tutti i sindaci e dal sottoscritto – commenta Scattolin – proprio nel segno di una valorizzazione dell’impegno finora profuso, del merito che va riconosciuti e della territorialità che ci sta a cuore difendere”.

Camposampierese, in cosa consiste la rivoluzione della Polizia locale

“Questa ristrutturazione organizzativa – afferma il comandante Antonio Paolocci –, intende limitare al massimo la frammentazione del servizio sul territorio traguardando, attraverso una più opportuna definizione della forza lavoro e una forte razionalizzazione delle procedure, il conseguimento di maggiore efficienza, efficacia, economicità e funzionalità”.

Il nuovo modello organizzativo riguarda l’intero corpo di polizia locale (sicurezza e protezione civile). Per quanto riguarda gli ambiti logistico operativi si passa da 7 a 4. L’ambito A vede insieme i Comuni di Camposampiero e Massanzago con sede a Camposampiero; l’ambito B, con sede a San Giorgio delle Pertiche, aggrega Santa Giustina in Colle e Villa del Conte; l’ambito C, con sede a Piombino Dese, aggrega anche Loreggia; l’ambito D, con sede a Campodarsego, aggrega Borgoricco e Villanova di Camposampiero. Gli agenti saranno così distribuiti: 6 all’ambito A (4 a Camposampiero, 2 a Massanzago), 7 all’ambito B, 5 all’ambito C, 9 all’ambito D. Le attività dei Comandi decentrati saranno prevalentemente caratterizzati dalla vigilanza territoriale.

Alla contrazione degli ambiti territoriali decentrati dovrà corrispondere un rafforzamento delle attività gestite in forma accentrata, i cui servizi vengono collocati a Camposampiero. Qui verranno gestiti la Centrale Operativa (Cot); il Nucleo sicurezza urbana, polizia giudiziaria e polizia amministrativa (Nosu); Infortunistica e ambiente (Pit); l’ufficio sanzioni e contenzioso; il reparto servizi amministrativi; gli ausiliari del traffico; l’ufficio programmazione servizi e coordinamento; il comando e la videosorveglianza; l’Asi con personale amministrativo. I servizi accentrati avranno 13 agenti e 9 amministrativi

Le più lette