Home Rodigino Delta Taglio di Po: cala il costo dei servizi comunali

Taglio di Po: cala il costo dei servizi comunali

Le mense scolastiche vedono una sostanziale conferma delle tariffe dell’anno scorso per la scuola dell’infanzia, mentre viene significativamente ridotto il costo del pasto per i bambini della scuola primaria di Taglio di Po

Taglio di Po
Taglio di Po

La giunta comunale di Taglio di Po ha approvato la riduzione delle tariffe relative ai trasporti scolastici, all’uso della sala Europa, alle mense scolastiche, all’asilo nido, all’uso degli impianti sportivi e dei locali adibiti a riunioni di istituzionali. Per quanto riguarda il trasporto scolastico, la quota per il primo figlio passerà da 30 euro a 25, da 25 euro a 20 per il secondo figlio e il terzo figlio sarà esente.

Taglio di Po: le novità della giunta per le famiglie e le associazioni

Saranno completamente esenti le famiglie con un Isee inferiore a 3.500 euro e tuto comprensivo e la parrocchia, mentre la Pro loco potrà utilizzarla gratuitamente per 10 eventi all’anno. Per quanto riguarda invece l’uso dei locali adibiti a riunioni istituzionali gli importi restano invariati, 50 euro per riunione, 100 euro per l’intera giornata. Potranno usufruirne gratuitamente per 4 volte all’anno le associazioni senza scopo di lucro, i movimenti politici, i partiti politici e le associazioni sindacali.

Le tariffe per l’uso di impiansarà applicata la riduzione del 50% a quelle famiglie che hanno un Isee compreso tra 3.500 e 7.500 euro. Le agevolazioni più importanti sull’utilizzo dell’asilo nido riguarderanno i valori Isee, per chi avrà un valore tra 0 e 5000 euro, pagherà 280 euro, chi tra 5000 e 8.000 euro pagherà 320 euro, chi compreso tra gli 8000 e i 12000 euro pagherà 360 euro, mentre per gli Isee superiore ai 12000 euro, la retta sarà di 400 euro.

Le mense scolastiche vedono una sostanziale conferma delle tariffe dell’anno scorso per la scuola dell’infanzia, mentre viene significativamente ridotto il costo del pasto per i bambini della scuola primaria. Per il primo figlio residente il costo passerà da 6,45 a 5,50 euro, il secondo figlio da 6,45 a 5 euro e per il terzo figlio da 6,45 a 4,50 euro. Per quanto riguarda l’uso della Sala Europa sono state previste importanti riduzioni: l’utilizzo per una singolo evento passa da 500 a 350 euro, mentre le associazioni senza scopo di lucro potranno utilizzare la sala gratuitamente due volte l’anno e per i successivi utilizzi pagheranno 75 euro anziché 100.

Completamente esenti l’istiti sportivi rimangono sostanzialmente invariate rispetto agli anni scorsi, la quota oraria varia dai 20 euro per gli impianti del capoluogo, ai 12,50 per gli impianti delle frazioni, mentre le associazioni senza scopo di lucro pagheranno solamente 6,5 euro e la Pro loco, i comitati frazionali e le associazioni sportive limitatamente all’attività svolta con i minori fino a 16 anni, potranno usufruire gratuitamente delle strutture.

Guendalina Ferro

Le più lette