Home Padovano Conselvano Cartura: l’emergenza ha fermato alcuni cantieri, ma non tutti

Cartura: l’emergenza ha fermato alcuni cantieri, ma non tutti

Durante il lockdown l’amministazione ha proseguito l’iter per il potenziamento dell’illuminazione del campo sportivo di Cartura

Cartura

In attesa dello sblocco definitivo delle opere pubbliche. A seguito delle disposizioni per il contenimento del Covid-19 i cantieri già avviati in paese hanno subito uno stop di alcune settimane, per poi riprendere una volta che le restrizioni sono state allentate.

È il caso dei lavori del primo stralcio della pista ciclabile di via Rena, opera dal costo di 300 mila euro co-finanziata dalla Regione per circa 100 mila euro, partiti prima dell’epidemia e ripresi alcune settimane fa. A cavallo del lockdown sono state asfaltare alcune strade comunali tra cui via San Pietro Viminario e via Gazzo e rifatto il percorso ciclopedonale tra via Cimitero e via Bragaleo.

Altro intervento, iniziato nei mesi scorsi e riavviato dopo il fermo imposto dall’emergenza, è la realizzazione degli impianti semaforici per l’attraversamento pedonale in piazza dell’Assunta e in via Rena. Nel frattempo sono partiti pure i lavori preliminari per la posa della fibra ottica, intervento rientrante nel piano di Sviluppo della Banda ultra larga promosso dalla Regione, cui ha aderito anche il Comune di Cartura.

Nel periodo di lockdown l’amministrazione comunale ha portato avanti l’iter dell’intervento di efficientamento e potenziamento dell’illuminazione del campo da calcio, il cui cantiere aprirà a breve, e ha affidato l’incarico per la progettazione dei lavori di rinforzo strutturale della copertura e di manutenzione del tetto della palestra scolastica. A febbraio era stata ultimata la sistemazione deltetto della scuola secondaria di primo grado.

Cartura, lavori e cantieri: parla l’amministrazione

“Questi lavori sono il frutto di oculata programmazione e mirano a realizzare quegli investimenti previsti e pianificati nel programma amministrativo – commenta l’assessore ai lavori pubblici Massimo Zanardo – Sono anche un po’ di ossigeno per l’economia locale visto che danno lavoro, nel pieno rispetto delle normative vigenti, a imprese della zona che occupano maestranze locali”. (f.s.)

Le più lette