Home Rodigino Adria Coronavirus, Adria: “E ora aiuti a scuole, negozi e ambulanti”

Coronavirus, Adria: “E ora aiuti a scuole, negozi e ambulanti”

Il sindaco di Adria Omar Barbierato ringrazia per la collaborazione cittadini e associazioni e riepiloga quanto fatto durante l’emergenza Coronavirus

Comune di Adria
Comune di Adria

Durante i suoi quotidiani videomessaggi per informare i cittadini sulle novità circa l’emergenza Coronavirus, il sindaco di Adria Omar Barbierato ha trovato tempo anche per sottolineare alcune lodevoli iniziative nate dalla generosità e dal grande cuore di alcuni adriesi per aiutare le persone più in difficoltà.

Le Cartiere del Polesine ad esempio hanno donato 30.000 mascherine che sono state distribuite, grazie ai volontari della Protezione civile, alle comunità di Adria e Loreo, aggiungendosi così a quelle già fornite dalla Regione Veneto.

“Preziose anche le offerte dei generi di prima necessità, lasciati dai cittadini o dagli stessi commessi nei carrelli dei market e supermarket, che in questi giorni saranno ridistribuiti alle famiglie bisognose” ha commentato il sindaco Barbierato. Il primo cittadino di Adria poi naturalmente ringrazia i volontari, le forze dell’ordine e gli operatori ospedalieri che si prodigano in favore di tutti gli adriesi, ma anche i negozianti, molti dei quali hanno deciso di devolvere l’incasso di alcune giornate di lavoro, ottenuto tramite le consegne a domicilio, ad associazioni di beneficenza, e tutti coloro che in questo periodo hanno effettuato donazioni “alla Protezione civile, alla Croce verde o che hanno versato nella tesoreria comunale”. L’importo finora raccolto è pari a 18mila euro, che andrà ad aggiungersi ad altre offerte fatte da privati. Anche lo stesso Comune si sta muovendo su più fronti.

Coronavirus Adria: aiuti alle scuole

Primo su tutti il sostegno agli istituti scolastici: “Siamo riusciti ad anticipare 24mila euro alle scuole dell’infanzia paritarie, una cifra che solitamente veniva erogata entro il mese di luglio” ha annunciato Barbierato. L’importo sarà come prima rata così distribuito: Scuola “Maria Ausiliatrice” di Baricetta per 3mila 769,57 euro, Scuola “Parrocchia San Vigilio” per 5mila 131,30 euro, Scuola “M. Elisa Andreoli” per 5mila 280 euro, Scuola “Maria Immacolata” per 6mila 279,13 euro, Scuola “U. Maddalena” di Bottrighe per 3mila 540 euro. Infine, nell’ambito delle agevolazioni a favore del commercio, la giunta Barbierato ha deliberato, nella seduta di Venerdì 17 Aprile, di ridurre il canone Cosap per gli operatori titolari di posteggio nei mercati sospesi.

Si tratterebbe di ulteriori sette giornate lavorative a favore dei commercianti ambulanti(escluso le banche alimentari), che solitamente svolgono i mercati del mercoledì e del sabato. Altre iniziative attivate: il posticipo della prima rata della TARI al 16 Maggio, per la quale non si pagherà nessuna mora. Lo spostamento al 30 Giugno dell’imposta comunale sulla pubblicità e diritti pubbliche affissione. Tre mesi(Marzo, Aprile e Maggio) di annullamento della COSAPper chi occupano in maniera permanente il suolo pubblico.

Chiara Tomao

Le più lette