Home Padovano Camposampierese Est Coronavirus, camposampierese: una primavera senza feste e sagre

Coronavirus, camposampierese: una primavera senza feste e sagre

Sarà una primavera senza feste, fiere e sagre paesane, ma anche senza tanti eventi culturali che erano stati programmati per aprile, maggio e fino a giugno.

Sagre

“In questo clima di incertezza, ma anche di grande voglia di darsi da fare e di dare il proprio contributo per uscire dalla crisi, diventa impossibile programmare delle fiere importanti come la Festa della Fragola, le Giornate Medievali e la Fiera della Zootecnia di Rustega – spiega il sindaco di Camposampiero, Katia Maccarrone -. Non ci sono i tempi, non ci sono le condizioni.

Coronavirus, le indicazioni delle sagre del Camposampierese

Per questo abbiamo condiviso con Pro loco di Camposampiero e l’Asper, la necessità di sospendere questi importanti eventi che si sarebbero dovuti tenere a maggio”. Salta anche la manifestazione “Bimbi in fiore” che a Piombino Dese prevedeva due settimane di giochi e attività sportive in piazza dal 10 al 24 maggio. “Solo se tutto sarà in massima sicurezza, in accordo con l‘associazione promotrice presieduta da Paolo Costacurta, forse si farà una giornata unica il 24 maggio”, afferma l’assessore Claudio Bastarolo. A marzo era già saltata la Sagra dei San Giuseppe, festa attesa tutto l’anno.

A Borgoricco è stata rinviata a ottobre la Mostra del libro ed è stato spostato a dicembre il Premio giornalistico Tomaselli. A Campodarsego per la prima volta niente Fiera degli uccelli, manifestazione regionale che vede arrivare migliaia di visitatori il lunedì di Pasquetta. Stop a iniziative varie anche a Trebaseleghe dove, come conferma il sindaco Zoggia “diventa difficile, in un clima di grande incertezza, programmare anche la grande Fiera dei Mussi prevista per settembre”.

Nicoletta Masetto

Le più lette