Home Veneziano Cavarzere Coronavirus Cona: mascherine, spesa e aiuti

Coronavirus Cona: mascherine, spesa e aiuti

Il mercato è stato spostato all’interno del parco municipale, che è tutto recintato con le disposizioni per mantenere le distanze di sicurezza

Spesa a domicilio
Spesa a domicilio

“Non appena la Regione del Veneto ci ha fornito le mascherine siamo subito partiti con la distribuzione casa per casa, grazie al grande impegno della Protezione Civile. La Regione non ci ha fornito le mascherine in un’unica volta, ma in momenti diversi e così abbiamo organizzato diversi giri di distribuzione, dopo l’imbustamento da parte dei volontari – ha dichiarato il sindaco di Cona Alessandro Aggio -. La prima tornata di distribuzione è stata dedicata alle persone anziane: ogni unità familiare che contasse la presenza di un ultra74enne ha ricevuto la mascherina con la prima distribuzione”.

Coronavirus Cona, le misure prese dall’aministrazione

“Come Comune abbiamo comprato delle mascherine in più, di tipo similare a quelle forniteci dalla Regione, per distribuirle nei nostri negozi in modo tale che le persone sprovviste potessero essere protette – ha proseguito il primo cittadino -. Abbiamo stilato un elenco dei commercianti, sin dal principio dell’emergenza, che avevano espresso la volontà di garantire il servizio di consegna domiciliare: i cittadini possono attingere a questo elenco, chiamando l’esercizio interessato che provvederà a consegnare a casa la spesa. Anche le farmacie hanno potuto consegnare i medicinali a casa grazie, ancora una volta, al supporto della Protezione Civile. La Veritas ha inoltre provveduto anche a Cona ad effettuare la sanificazione delle strade”.

“In questi giorni ci stiamo occupando dei buoni spesa volti al sostegno alimentare delle persone in difficoltà con un’ottima risposta da parte degli esercenti. Inizialmente abbiamo provveduto a passare con messaggi audio contenenti l’indicazione di stare a casa per le vie cittadine, e possiamo dire di aver ricevuto fin da subito una risposta molto positiva da parte della comunità. Il mercato è stato spostato ora all’interno del parco municipale, che è tutto recintato, con le disposizioni per mantenere le opportune distanze di sicurezza – ha concluso Aggio -. Siamo contenti che grazie alle misure di contenimento adottate, e forse anche al fatto che Cona è una zona di campagna dai vasti spazi, il numero dei casi positività è assai ridotto”.

Erika Masiero

Le più lette