Home Padovano Coronavirus, Confcommercio Padova vuole ripartire

Coronavirus, Confcommercio Padova vuole ripartire

I presidenti dell’Ascom Confcommercio di Padova ci mettono la faccia e chiedono di poter ripartire dopo l’emergenza Coronavirus

Da Cittadella a Montagnana, da Camposampiero a Piove di Sacco, da Piazzola sul Brenta a Conselve, a Este, a Monselice, ad Abano e a Padova: la protesta delle imprese associate all’Ascom Confcommercio diventa un collage di foto dei nove presidenti di mandamento e del presidente provinciale, tutti vicini al cartonato che rappresenta idealmente le chiavi della oltre 50mila imprese del terziario padovano, chiavi che, se la chiusura per decreto (come sottolinea lo slogan) dovesse protrarsi, diventerebbero la rappresentazione plastica di una drammatica realtà.

Coronavirus, Confcommercio Padova: parla il presidente provinciale Bertin

“La foto che ci accomuna tutti – spiega il presidente provinciale, Patrizio Bertin – significa che tutte le imprese attendono con ansia di poter ripartire e, proprio per rendere “visibile” questa volontà comune, i colleghi presidenti di mandamento hanno voluto “metterci la faccia”. Io voglio sperare che altrettanta determinazione arrivi dal governo consentendo alle imprese, a tutte le imprese, di poter ripartire già dalla prossima settimana”.