Home Trevigiano Coronavirus, Quinto di Treviso: l’impegno della Protezione Civile

Coronavirus, Quinto di Treviso: l’impegno della Protezione Civile

Una grande mole di lavoro impegna ogni giorno la Protezione Civile per aiutare la fascia di popolazione maggiornmente in difficoltà a causa del Coronavirus

Protezione Civile
Protezione Civile

Ad affrontare l’emergenza sanitaria al fianco di istituzioni e medici, ci sono anche i volontari della Protezione civile, che nel comune di Quinto di Treviso a fine marzo hanno consegnato ad ogni cittadino una delle mascherine protettive realizzate da Grafica Veneta Spa e donate dalla Regione Veneto.

Coronavirus, Quinto di Treviso: parla la Protezione Civile

“Abbiamo consegnato più di 9mila mascherine in due giorni, passando casa per casa e – spietutti i cittadini di Quinto. Lo facciamo volentieri e con responsabilità”.

“A Quinto, d’altro canto, c’è molta consapevolezza: all’inizio era più complicato, quasi strano, ma ora la gente ha capito. Durante i nostri spostamenti notiamo che non ci sono più tutte queste persone in giro e questo non può che essere positivo: vuol dire che il nostro lavoro e quello dell’amministrazione comunale è efficace”.

Abbiamo consegnato più di 9 mila mascherine in 2 giorni passando casa per casa e – spiega il vicepresidente dell’associazione di Protezione civile di Quinto, Claudio Vanin –. Tutto questo è stato possibile in così breve tempoproprio grazie a 12 dei nostri volontari e anche all’aiuto dell’amministrazione comunale, con cui si è creata un’ottima cooperazione. Finora, infatti, insieme siamo riusciti a raggiungere buoni risultati, anche dal punto di vista della comunicazione con la popolazione: nelle scorse settimane abbiamo trasmesso i messaggi del sindaco a tutta la città via megafono. Come si dice, l’unione fa davvero la forza”.

Vittoria dunque, ma non senza qualche difficoltà: “È una situazione totalmente nuova per noi della Protezione civile – aggiunge infatti Vanin, – ogni giorno ci sono nuovi ostacoli da superare e nuove norme precauzionali da seguire e da far rispettare. Sono giornate impegnative e piene, ma facciamo tutto il possibile per essere utili, sia aiutando le fasce più disagiate della popolazione con la consegna a domicilio di farmaci e spesa che sensibilizzando E conclude: “Ora è il momento di agire, di fare qualcosa per il bene di tutti: i volontari della Protezione civile si impegnano e lavorano anche per portare questo messaggio di solidarietà”.

Gaia Zuccolotto

Le più lette