Home Padovano Conselvano Coronavirus: tra donazioni e interventi, Conselve c’è

Coronavirus: tra donazioni e interventi, Conselve c’è

Attività commerciali di Conselve impegnate nella consegna a domicilio, volontari in prima fila per portare un aiuto in casa durante il Coronavirus

Conselvano

Conselve ha risposto con determinazione all’emergenza coronavirus, cercando anzitutto di rispondere alle necessità della popolazione, a partire dalle fasce più deboli, ma guardando anche al tessuto economico e produttivo locale, messo a dura prova dal lungo periodo di restrizioni e limitazioni.

Conselve, il cuore grande durante il Coronavirus

Da subito le attività commerciali cittadine hanno si sono messe a disposizione dei conselvani nonostante la chiusura e si sono organizzate in una “rete” di botteghe impegnate nella consegna a domicilio di beni e servizi. Con la regia dell’amministrazione comunale, che ha coordinato i vari interventi in ambito sociale, è stata attivata anche la rete di aiuto e di intervento per le famiglie in difficoltà, per le persone anziane o sole, per chi ha dovuto affrontare la quarantena e l’isolamento.

Ricevuti i contributi statali il Comune ha organizzato la distribuzione dei buoni spesa a chi ne aveva bisogno, raccogliendo anche diverse offerte da parte di privati e aziende. Fra queste il ristorante mensa Vanilla della zona industriale, che ha lasciato al sindaco Maria Alberta Boccardo diversi pacchi alimentari, destinati per l’appunto alle famiglie in difficoltà. In prima linea i volontari della protezione civile, per rispondere alle necessità quotidiane e supportare l’amministrazione su più fronti. Mobilitata anche la parrocchia.

Alcune attività hanno intrapreso invece la strada della riconversione per fornire i nuovi prodotti di cui c’è richiesta, a partire dalle mascherine e dai prodotti disinfettanti. Nella vicina Bovolenta è stato installato anche il primo distributore automatico di mascherine, guanti, gel e spray. A Tribano invece la Jonix ha donato al Comune dei sanificatori per gli ambienti pubblici. Sul fronte dell’assistenza i volontari dell’associazione “Pronto Conselve” sono operativi su tutto il territorio: ogni giorno rispondono alle chiamate di persone che non possono uscire da casa perché in quarantena, o di anziani che hanno bisogno di un aiuto, per fare la spesa o per ritirare i medicinali in farmacia. Un servizio svolto, di concerto con le istituzioni, in forma gratuita. “Possiamo contare su un gruppo di almeno 80 persone qualificate – spiega il presidente Lorenzo Zambon – disponibili ad entrare in servizio in caso di necessità. E in questi giorni le occasioni non mancano, così come le richieste. Tutto questo sostenendo costi notevoli”.

Nicola Stievano

Le più lette