Home Salute Rovigo Galenica, cuore della professione del farmacista

Galenica, cuore della professione del farmacista

E’ l’insieme delle procedure di preparazione di un medicinale a scopo medicamentoso

La Galenica, aspetto dimenticato della professione del farmacista, risulta oggi essere uno dei tanti servizi offerti dalla farmacia. In realtà, essa, è il cuore della professione del farmacista. Il termine Galenica deriva dal medico greco Galeno che, tra il II e III sec. D. C. utilizzò erbe medicinali e loro derivati a scopo farmacologico. Con esso infatti si intende l’insieme delle procedure di allestimento e preparazione di un medicinale a scopo medicamentoso ed è di competenza esclusiva del farmacista.

La preparazione dei medicamenti in farmacia trova i suoi fondamenti agli inizi dell’800, quando il farmacista era l’unico produttore del farmaco. Era quindi un preparatore che eseguiva le prescrizioni dei medici a partire da droghe vegetali ed altre sostanze di origine naturale. In seguito, con la scoperta dei primi principi attivi di tipo farmacologico, la pratica galenica divenne sempre più un’attività di nicchia, sostituita dall’utilizzo di specialità chimiche di sintesi, prodotte a livello industriale.

Fortunatamente, negli anni 2000 si è assistito ad un ritorno nell’utilizzo del prodotto galenico, che molto spesso permette al paziente di ottenere un medicinale che non è disponibile come prodotto industriale, recuperando quindi il ruolo che in parte ha avuto nel passato. Tra le preparazioni che un farmacista può allestire nel suo laboratorio, ne esistono che non necessitano obbligatoriamente di una ricetta medica. Tra queste possiamo citare tra le più comuni, la pasta all’acqua o la pasta di Hoffman utilizzate per adsorbire gli essudati della pelle (eczemi, arrossamenti, ulcerazioni), sciroppi a base di estratti di malva e eucalipto per la cura della tosse secca, o di pino e marrubio come espettoranti per la tosse grassa. Tra le preparazioni galeniche, degne di nota sono le tisane. Il termine deriva dal latino tisana, che stava ad indicare “decotto di orzo sbucciato”.

Esse sono un insieme di una o più droghe vegetali destinate a preparazioni acquose ottenute per infusione, decozione o macerazione. Generalmente una buona miscela per tisana è costituita da non più di 6/7 piante. Tra queste si distinguono le – droghe principali, ossia quelle aventi l’effetto per cui è indicata la tisana – droghe complementari, di importanza secondaria – droghe ausiliarie deputate a correggere l’aroma od il sapore del composto La preparazione della miscela avviene semplicemente mescolando le varie droghe in un recipiente pulito, in modo da ottenere un composto il più omogeneo possibile. Quando una tisana viene preparata per infusione (metodo più comune) si versa acqua bollente sulle droghe asciutte e si attende una decina di minuti, per poi filtrare il tutto. La decozione invece prevede che la droga venga messa in acqua fredda, ed il tutto sia riscaldato fino ad ebollizione. Il preparato per essere pronto deve bollire per 5-10 minuti.

Con il processo di macerazione invece si versa l’acqua fredda sulle droghe e si lascia macerare a temperatura ambiente per diverse ore. Questo prodotto occorre consumarlo rapidamente perché, non avendo subito riscaldamento, può presentare un’elevata carica batterica. Le tisane, possono avere molteplici effetti benefici per la salute ed essere importanti nel garantire il benessere dell’individuo. Per esempio, per chi soffre di colite è utile far uso di una tisana avente questi componenti – angelica radice,basilico foglie, camomilla fiori che mitigano i crampi intestinali – finocchio semi, anice semi, coriandolo semi aventi un’azone carminativa – malva fiori, altea radice e liquirizia radice con azione emolliente e lenitiva Per favorire, invece la circolazione venosa è utile una tisana composta da – Rusco radice e amamelide foglie, con effetto venotonico – Malva foglie,piantaggine foglie e liquirizia radice con effetto emolliente e lenitivo – gramigna radice con effetto drenante Per favorire il riposo notturno è infine consigliabile una tisana a base di passiflora erba, biancospino foglie, melissa foglie, camomilla fiori e arancio fiori aventi la capacità di favorire le funzioni fisiologiche del sonno e di rilassare il corpo. Vieni in farmacia e troveremo un composto adatto alle tue esigenze.

Farmacia Tre Colombine
della Farmacia San Gaetano s.n.c.
Dott.sse Maddalena e Patrizia Zanetti
Via Leopoldo Baruchello, 30
ROVIGO tel.0425/412038
Piazza Risorgimento 21 – Lendinara (Ro)
tel. 0425/641026 – www.farmaciatrecolombine.it

Le più lette