Home Veneziano Chioggia Il concorso a Chioggia: “Balconi fioriti”, nonostante tutto

Il concorso a Chioggia: “Balconi fioriti”, nonostante tutto

Si chiama “balconi fioriti” il concorso indetto dal Comune di Chioggia per valorizzare e abbellire la città.

Balconi fioriti Chioggia

In maniera economica partecipativa e sicuramente divertente. Chiaramente nei giorni in cui è uscito “ufficialmente” il Regolamento del concorso (fine febbraio) non era possibile immaginare gli effetti delle contingenze legate all’ emergenza Covid-19. Il concorso risultava aperto a: “residenti, non residenti proprietari di immobili nel territorio comunale, operatori commerciali, associazioni, comitati di quartiere, scuole, parrocchie e soggetti terzi, pubblici e/o privati che nella Città dispongono di un balcone, davanzale, terrazzo, vetrina e/o giardino o corte pubblico o privato, fronte strada, di qualsiasi genere e dimensione, e che si impegnano a proprie spese ad arredarli con piante e fiori”.

Il concorso di Chioggia, balconi fioriti per abbellire la città

L’intento della manifestazione era quello di premiare “coloro che maggiormente si sono distinti nell’abbellire balconi, davanzali, terrazzi, vetrine, giardini e/o corti pubblici e/o privati fronte strada con fiori e piante per far risaltare la bellezza delle composizioni floreali esposte”.

Certo viene da pensare che se si dovesse concorrere ad oggi, gli iscritti in questi lunghi giorni di permanenza forzata a casa sarebbero migliaia. Ma allora perché non gareggiare tutti assieme comunque? Le Categorie oggetto di valutazione sono: Balcone fiorito – Vetrina fiorita – Giasrdino fiorito. Presso il Sito del Comune di Chioggia (https://www.chioggia. org/) è possibile consultare Regolamento e Modulo di Iscrizione (per ora i termini per l’iscrizione sono stati prorogati di un mese, al 10 maggio). Tutti i balconi siano avvertiti: ci si ricordi a lungo di quelle giornate in cui la segregazione forzata fece “fiorire” la città di Chioggia

(l.r.).

Le più lette