Home Veneziano Miranese Sud Miranese, Tarip: Comuni in ordine sparso

Miranese, Tarip: Comuni in ordine sparso

Federconsumatori chiede una armonizzazione della tassa nei vari Comuni. Costo delle tariffe dei rifiuti, ogni Comune della Riviera e del Miranese va per sé.

Per questo sulla Tarip, Federconsumatori della Riviera del Brenta e del Miranese ha preso carta e penna e ha scritto ai 17 primi cittadini del comprensorio, chiedendo agli stessi di armonizzare la tassa.

Federconsumatori Miranese: armonizzare la tassa nei vari Comuni

“Ho analizzato attentamente – spiega Alfeo Babato referente di Federconsumatori – il calcolo in dettaglio della Tarip secondo i diversi sistemi e si trovano differenze sostanziali tra Comune e Comune”. Babato fa un esempio.

“Per esempio -spiega- il Comune di Fiesso d’Artico ha il costo per abitante più basso, mentre il Comune di Santa Maria di Sala ha la percentuale più alta di differenziata”. Federconsumatori osserva che è stato applicato un peso specifico apparente per litro di secco non univoco. Si va dallo 0,11 euro al chilogrammo di Santa Maria di Sala, allo 0,147 di Fossò passando per 0,121 di Stra e per 0,130 di Mira. Diversificato è anche il numero minimo di svuotamenti per nucleo familiare”.

Babato poi sottolinea altre differenze. “Il Comune di Salzano – dice – ad esempio ha adottato un sistema che prevede un numero minimo di svuotamenti indifferenziato per nucleo famigliare (6 svuotamenti) addebitando a fine anno la differenza tra il minimo e il reale: chi più produce più paga. Il Comune di Dolo, premia il nucleo famigliare che rimane sotto il minimo di svuotamenti”. “Diverso – continua Babato – il costo per lo svuotamento del verde. Si va da un minimo di 0,04 euro al kg di Campolongo Maggiore ad un massimo di 0,34 di Fiesso D’Artico. Per il sistema di raccolta porta a porta in quanto per il sistema di raccolta stradale il costo è inglobato nella quota variabile”. Precise le conclusioni e le richieste dell’associazione dei consumatori.

“E’ di difficile comprensione – conclude Babato- il fatto che ci si una disparità così marcata di spesa, tra i comuni. E’sperabile che le chiavi del processo non siano lasciate in mano soltanto all’elite burocratica”.

Alessandro Abbadir

Le più lette