Home Padovano Padova Padova, operazione antidroga: sequestrati 150 grammi di marijuana

Padova, operazione antidroga: sequestrati 150 grammi di marijuana

Padova, sequestrati 150 grammi di marijuana nell’ ambito di una operazione interforze contro lo spaccio

Nell’ambito di uno dei servizi straordinari disposti dal Questore nelle zone più “calde” della città, e che vedono il quotidiano coinvolgimento di Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia Locale, ieri è stata impiegata anche un’unità cinofila antidroga della Polizia Locale. Il pastore tedesco Lucky, giunto in via Trieste, nei pressi della fermata per i mezzi pubblici posta frontalmente a via Valeri, ha segnalato al proprio conduttore la presenza nell’area di sostanze stupefacenti. Ad una verifica più approfondita, l’unità cinofila ha accertato la presenza di 9 involucri, ben pressati e avvolti in fogli di nylon, di marijuana per un peso totale di ben 150 grammi , occultati in un anfratto posto dietro la pensilina.

Considerando l’attuale prezzo di tale stupefacente (20 euro al grammo), la messa in commercio della sostanza avrebbe fruttato ai “pusher” circa 3.000 euro. La sostanza è stata subito sequestrata in attesa delle disposizioni che l’Autorità Giudiziaria vorrà impartire in merito alla stessa.

Padova, operazione antidroga: il commento del sindaco Giordani

“I servizi straordinari interforze disposti quotidianamente dal Questore Fusiello si stanno rivelando efficaci e strategici per contrastare in modo incisivo le frequentazioni problematiche, in particolare di spacciatori, che interessano alcune zone di Padova, e per questo non posso che ringraziarlo nuovamente – commenta il sindaco del Comune di Padova Sergio Giordani – . E’ positivo poi che anche l’unità cinofila antidroga della nostra Polizia Locale, in servizio ieri a fianco delle Forze di polizia dello Stato, abbia fornito il proprio contributo all’attività di polizia sul territorio, nello scovare lo stupefacente nascosto dietro ad una fermata del trasporto pubblico.”

Il primo cittadino aggiunge: “Sono sempre convinto che ogni azione tesa a rovinare il mercato locale della droga sia importante per disincentivare gli assembramenti che spesso sono fonte di forte allarme sociale se non di paura nella cittadinanza. Nei mesi scorsi on il Comandante della Polizia Locale abbiamo deciso di procedere alla formazione di altre due unità cinofile da specializzare nella ricerca di stupefacenti. Oggi, la tempistica di addestramento è condizionata all’evolversi dell’emergenza epidemiologica, e delle conseguenti decisioni che verranno assunte a livello ministeriale, ma è nostra intenzione non sprecare tempo prezioso”.