Home Padovano Piove di Sacco: trattamento benessere gratuito per ringraziare medici e operatori sanitari

Piove di Sacco: trattamento benessere gratuito per ringraziare medici e operatori sanitari

L’iniziativa dell’estetista Krizia di piove di Sacco rivolta a chi in questi ultimi mesi ha combattutto in prima linea contro il coronavirus

Estetista Krizia

Un piccolo e originale gesto di ringraziamento nei confronti degli operatori sanitari in prima linea contro il Covid-19. Da una parte ci sono i problemi legati a un’attività sospesa ormai per mesi, dall’altra la consapevolezza che, in momento come questo, ci sono delle persone che rischiano la vita tutti i giorni per gli altri.

Piove di Sacco, Krizia vuole ringraziare medici e infermieri

“Ho pensato che nel mio piccolo – esordisce Krizia Renzo, trentenne titolare del Touch Estetica di via Michiel – potevo regalare qualcosa a loro”. L’idea di Krizia è quella di offrire gratuitamente una ventina di trattamenti di benessere a medici, infermieri e operatori sanitari. Lei lo chiama già il trattamento “Thank you”.

“Un’ora di relax puro – spiega Krizia – per distendere la muscolatura sottoposta a forte stress e coccolare la pelle disidratata a causa dei mille strati di protezione. Insomma, un momento per dimenticare l’incubo che quotidianamente queste persone stanno affrontando. Sicuramente non potrà restituire loro le ore di sonno perse e ridare la serenità con cui lavoravano mesi fa. Magari per un attimo potrò donargli un attimo di spensieratezza. Sarà il mio modo di esprimere l’apprezzamento per tutto quello che fanno per noi ogni giorno”.

Krizia, che è anche tatuatrice dermopigmentista specializzata, non è nuova a nobili gesti di questo tipo. Nei mesi scorsi, in occasione della Giornata mondiale contro il cancro, si è messa a tatuare gratuitamente le sopracciglia a tutte le donne impegnate nella battaglia contro la malattia.

“Per ricevere questo mio regalo – conclude – qualsiasi operatore sanitario può contattarmi per fissare un appuntamento. Sarò lieta di ospitarlo, appena sarà possibile, nel mio centro”.

Alessandro Cesarato

Le più lette