Home Padovano Padova Est Un concorso di poesie per combattere il coronavirus a Ponte San Nicolò

Un concorso di poesie per combattere il coronavirus a Ponte San Nicolò

Tra le preoccupazioni, la solitudine (e a volte la noia) della quarantena, Ponte San Nicolò riscopre il potere della poesia.

Concorso poesie

L’associazione Lagom, con il patrocinio del Comune, ha lanciato una bella iniziativa chiamata “Un Ponte con la poesia”, con cui da fine marzo propone una volta al giorno dei componimenti, di diversi generi e scritti da vari autori. I versi vengono recitati da Davide Giacometti, presidente di Lagom, in dei video postati su YouTube e sul sito dell’associazione.

Concorso di poesie a Ponte San Nicolò: parla Davide Giacometti

“L’idea è dare alle persone ogni giorno una poesia motivante – spiega Giacometti – che durante la quarantena offra uno spunto di riflessione e stimoli a pensare. Con questo nel nostro piccolo vogliamo dare un contributo, per quanto minimo, in un periodo difficile. L’obiettivo è continuare probabilmente fino a giugno, o comunque fino a quando non saremo tutti liberi di tornare a uscire”. I versi proposti variano ampiamente nel tema e nello stile, spaziando dalle poesie per i bambini a quelle contemporanee, alle più tradizionali scritte in dialetto. “Tra quelle recitate finora – aggiunge il presidente di Lagom – le più significative per me sono una in dialetto (“L’amicissia” di Angelo Sartori), “L’educazione” di Rossini e Urso e “Tieni sempre presente” di Madre Teresa di Calcutta”.

Insomma, a Ponte San Nicolò il virus si combatte con i versi, come dimostra anche una recente iniziativa di un cittadino di Roncaglia, che ha appeso delle poesie al cancello di casa invitando i compaesani ad aggiungerne altre. E per chi preferisse un buon romanzo, la biblioteca comunale ha attivato il servizio di prestito libri a domicilio, fino al 18 maggio quando riaprirà i battenti per prestito e restituzione. (c.r.)

Le più lette