Home Padovano ArcelorMittal, la protesta a Legnaro

ArcelorMittal, la protesta a Legnaro

Legnaro: presidi davanti ai cancelli dello stabilimento AcelorMittal

ArcelorMittal,la protesta a Legnaro
ArcelorMittal,la protesta a Legnaro

Ventiquattro ore di sciopero in tutti gli stabilimenti ArcelorMittal (ex Ilva) del territorio italiano. Sono quelle annunciate il alcuni giorni fa  dalle segreterie nazionali Fim Fiom Uil, insieme alle strutture territoriali e alle Rsu del gruppo. “Inaccettabile – sostengono le categorie sindacali – il piano industriale presentato da ArcelorMittal al governo il 5 giugno, non ancora ufficializzato alle organizzazioni sindacali, contenente esuberi all’interno dei vari siti”. Il mondo sindacale “rivendica con forza la piena occupazione, gli investimenti e il risanamento ambientale oggetto dell’accordo sindacale del 6 settembre 2018” e “ritiene ancor più grave che le decisioni dell’azienda si basino su un accordo tra la stessa ArcelorMittal e il governo siglato a marzo ma tutt’oggi a noi sconosciuto”.

AcelorMittal, a Legnaro produzione ferma

Intanto a Legnaro prosegue il presidio di protesta davanti ai cancelli dello stabilimento ArcelorMittal di via Fermi. Pochi giorni prima dell’incontro al ministero per lo Sviluppo economico, i rappresentanti della multinazionale siderurgica avevano richiesto per Legnaro una proroga di altre 13 settimane (oltre alle 5 trascorse) della cassa integrazione ordinaria per i 30 dipendenti dello stabilimento siderurgico. A Legnaro la produzione è ferma da oltre 15 giorni e sembra che l’attività lavorativa potrà tornare a regime solo a partire dal mese di ottobre. I segnali però non sono tra i più incoraggianti e il clima generale è di grande incertezza.

Martina Maniero

Le più lette