Home Veneziano Miranese Nord Martellago, gli arcobaleni dei bambini in mostra nei negozi della città

Martellago, gli arcobaleni dei bambini in mostra nei negozi della città

Oltre 150 foto inviate dalle famiglie al sindaco di Martellago diventano per tutti. Gallo e Molinari: «Commercianti in prima linea durante il lockdown, ricordiamocene»

Arcobaleni in mostra a Martellago

I disegni realizzati dai bambini durante il lockdown diventano una mostra diffusa nei negozi e locali della città: oltre 150 esercizi di Martellago, Maerne e Olmo espongono in questi giorni gli arcobaleni colorati dai più piccoli e inviati dalle loro famiglie al Comune per ricordare la quarantena appena trascorsa. Un messaggio di speranza lungo 150 vetrine, che racconta la paura, la fiducia e il coraggio di altrettanti bambini, immortalati dai loro genitori mentre realizzavano gli ormai famosi arcobaleni con lo slogan “Andrà tutto bene” realizzati nella prima fase dell’emergenza, quella più difficile, imprevedibile, emotivamente delicata.

Foto poi inviate al sindaco Andrea Saccarola, agli assessori o in municipio e raccolte dagli amministratori in un prezioso scrigno dei ricordi di questo periodo: ora, grazie a un’idea dell’assessore alla cultura e all’ambiente Laura Tozzato, sono state stampate e messe a disposizione della comunità.

Martellago, i disegni dei bambini nei negozi: le parole del sindaco

«Ho pensato – spiega Tozzato – al significato che può avere un gesto semplice in un periodo molto duro e di limitazione di libertà. Credo che i bambini abbiano sofferto parecchio durante il lockdown e una forma di espressione come il disegno e la condivisione con gli altri, anche se solamente attraverso i social, li abbia comunque ricondotti a una piccola forma di libertà e unione. Portare i disegni all’interno delle attività commerciali del nostro comune, realtà altrettanto duramente colpite dalla pandemia, credo si possa interpretare come una sorta di “gemellaggio” della speranza e della crescita, di cui ora più che mai, tutti, abbiamo bisogno».

Sono stati i commercianti a mettersi subito a disposizione per valorizzare i contributi raccolti e Confcommercio del Miranese a coordinare e allestire la mostra, organizzando tutte le foto stampate e distribuendole tra i tanti titolari di attività aderenti per essere esposte in oltre 150 vetrine dei tre centri del distretto commerciale: ora fanno bella mostra di sé appese a manichini, tra paia di scarpe, cassette di frutta e barattoli di conserve, oppure semplicemente incollati alla vetrina. Ognuna reca un messaggio di speranza, un augurio per ricominciare e lasciarsi alle spalle le paure di quei giorni, come solo gli occhi innocenti di un bambino possono raccontare.

Un’iniziativa, nata in seno al Distretto del commercio di Martellago, che porta un messaggio di coraggio anche per gli stessi commercianti, dopo mesi di serrata imposta e affari azzerati: «In questi mesi – spiegano il Presidente di Confcommercio Ennio Gallo e la direttrice Tiziana Molinari – i negozi hanno sopperito alle mancanze di molte famiglie, facendosi carico della spesa a domicilio e rimanendo l’unico sostentamento quando non si poteva uscire dal comune. Adesso è l’ora di restituire il favore, mettendoli al primo posto della lista nei luoghi dove fare acquisti e loro, anche con questa iniziativa, sono lì a ricordarci che solamente insieme, cittadini, commercianti e istituzioni, potremmo ricominciare e far ripartire l’economia, la socialità e la vita del paese dove abitiamo».

Le più lette