Home Trevigiano Morgano: “Le poche iscrizioni all'elementare Da Vinci sono ora un punto di...

Morgano: “Le poche iscrizioni all’elementare Da Vinci sono ora un punto di forza”

Il sindaco di Morgano sull’elementare da Vinci: “Stiamo valutando la superficie di ogni aula in modo da capire come potrebbero essere distribuiti gli alunni nel rispetto delle regole”

Daniele Rostirolla, sindaco di Morgano

“L’emergenza coronavirus impone il distanziamento. Alla luce di questo, chiederemo di far partire una nuova classe prima nella scuola elementare di Morgano anche con meno di 15 alunni. Non era stato raggiunto il limite minimo di iscrizioni. Adesso, però, questo può diventare un punto di forza se si pensa alla necessità di riorganizzare gli spazi scolastici e di far rispettare le distanze anticontagio”.

Morgano, elementare Da Vinci: la richiesta del sindaco Rostirolla

A parlare è il sindaco di Morgano Daniele Rostirolla. La richiesta verrà inoltrata all’ufficio scolastico di Treviso. Tocca a quest’ultimo decidere se la strada sarà percorribile o meno. Ma in Comune hanno le idee chiare. Solo pochi mesi fa era stato fatto il possibile per scongiurare il rischio che la scuola elementare di Morgano perdesse la classe prima in vista del prossimo settembre.

Le poche iscrizioni, però, non l’avevano permesso: ci si era fermati tra i sette e i nove piccoli studenti. Nessuno poteva immaginare che improvvisamente un gruppo ridotto di alunni avrebbe potuto trasformarsi in un punto di forza. E ora si sta rivedendo tutto. La riorganizzazione procede per gradi. Al momento le scuole restano chiuse in tutta Italia. Non è ancora chiaro come riapriranno i battenti a settembre. Quel che è certo è che nella scuola elementare Da Vinci di Morgano, ampliata solo pochi anni fa, c’è una disponibilità di spazi che ora rappresenta un tesoretto.

“Stiamo valutando la superficie di ogni aula in modo da capire come potrebbero essere distribuiti gli alunni nel rispetto delle regole riguardanti il distanziamento – conclude Rostirolla – il nostro obiettivo è sfruttare al meglio tutte le risorse che abbiamo. Soprattutto in un periodo come questo. E ci siamo messi subito al lavoro”.

Mauro Favaro

Le più lette