Home Padovano Padova Padova, maxisequestro di un nuovo pericoloso mix di droga

Padova, maxisequestro di un nuovo pericoloso mix di droga

Sequestrati dalla polizia locale di Padova 400 grammi di Amnesia, un nuovo mix di droghe, nel corso di un sopralluogo a un edificio abbandonato

La Polizia Locale sequestra ben 400 grammi di “AMNÈSIA”

Gi agenti della polizia Giudiziaria nella prima mattinata del 24 giugno, hanno effettuato un sopralluogo nell’area del civico 164 di via Perosi, tempo fa sede della Comunità Incontro, per il recupero dei tossicodipendenti. All’interno del parco hanno sorpreso nel sonno un maggiorenne e tre ragazzi che sono stati accompagnati presso gli uffici di via Liberi per la loro identificazione e per il deferimento all’Autorità Giudiziaria per l’invasione abusiva di terreni ed edifici.

Ma l’operazione ha avuto uno sviluppo interessante ed inatteso. L’unità cinofila Lucky della Polizia Locale di Padova ha scrupolosamente ispezionato l’area permettendo di recuperare una scatola con all’interno banconote per un totale di 1500 euro, alcuni bilancini di precisione, sacchetti e pellicola per il confezionamento dello stupefacente e di circa 400 gr di una sostanza stupefacente.

Padova, cos’è la nuova droga Amnesia

Ad una prima analisi tossicologica del Reparto Polizia Giudiziaria della Polizia Locale di Padova, la sostanza rinvenuta sembrerebbe essere una variante della classica marijuana che contiene il principio attivo della cannabis, e il principio attivo dell’eroina. Un mix con effetti molto pericolosi, che moltiplica l’effetto psicotropo e può provocare anche perdite di memoria; da qui il nome impresso sui pacchetti di sostanza stupefacente, “AMNÈSIA” appunto. Nei prossimo giorni saranno necessarie ulteriori indagini per stabilire provenienza e destinazione di questa pericolosa sostanza.

Padova, l’appello del Commissario Boscarollo

“Raccomando ai giovani e giovanissimi e alle loro famiglie di prestare la massima attenzione su questo fenomeno vigilando sui sintomi e sugli effetti che l’AMNÈSIA può provocare, quali una momentanea perdita di memoria, mancanza di concentrazione, attacchi d’ansia e di paranoia.” “Non siamo in presenza di droghe leggere già di per sè pericolose – continua il responsabile del reparto di polizia giudiziaria – abbiamo a che fare con vere e proprie droghe pesanti che oltre a causare danni gravissimi creano fin da subito una vera e propria dipendenza per la presenza di oppiacei: spesso i giovani che l’acquistano non hanno nemmeno idea di cosa stiano realmente assumendo. La qualità e quantità di ciò che abbiamo sequestrato, nonché il denaro contante frutto dello spaccio ci fanno supporre un forte interesse ad immettere sulla piazza proprio queste sostanze anche a discapito della salute dei nostri ragazzi. “