Home Rodigino Delta Porto Tolle, sistemazione delle lagune: cantieri in partenza

Porto Tolle, sistemazione delle lagune: cantieri in partenza

I lavori saranno finanziati con i fondi per il post Vaia

Cantieri Porto Tolle

Partito il progetto di vivificazione e sistemazione delle lagune di Porto Tolle. Il primo intervento, reso possibile grazie ai fondi erogati a seguito della tempesta Vaia, interessa la laguna del Canarin e comprenderà diverse opere, come la ricostruzione morfologica lagunare.

“Questa prima azione rappresenta una priorità per il Delta e per la il mondo della pesca. Infatti la laguna ormai da qualche anno vede una drastica riduzione della quantità di molluschi prodotti e si auspica che i lavori possano ripristinare le ottimali condizioni produttive” precisa l’assessore Bertaggia. Nei prossimi mesi verrà poi realizzata una serie di opere che comprendono la Busa di Tramontana, la Busa di Scirocco, la bocca di Sacca Scardovari, il completamento della Foce di Maistra e dello scanno di Boccasette.

Sistemazione lagune a Porto Tolle, parla il sindaco

“Snellire la procedura per interventi ordinari è indispensabile per il futuro delle lagune e del settore ittico” ha commentato il sindaco Roberto Pizzoli. Della medesima opinione il presidente del Consorzio Marchesini, che ha evidenziato la necessità di intervenire in breve tempo per garantire la produttività delle lagune. Al termine dell’incontro il sindaco Pizzoli, l’assessore Bertaggia, l’Ing. Portieri, Valerio Frizzarin e Marco Trombini, rispettivamente Direttore e Presidente di Ecoambiente, si sono recati presso la Sacca di Scardovari dove è iniziata la rimozione dei materiali depositati lungo l’argine a seguito degli eventi calamitosi del 13 novembre 2019. “200mila che non andranno a pesare sui pescatori e sulla cittadinanza, con un progetto di Ecoambiente anticipato dal Comune – ha dichiarato il primo cittadino -. Un grazie al governatore Zaia, agli assessori Cristiano Corazzari e Bottacin, al sottosegretario Martella e al Consigliere Graziano Azzalin e naturalmente a tutta la Giunta e agli uffici”.

Ga. Fe.

Le più lette