Home Rodigino Delta Porto Viro, commercio: “Un’app per lo sviluppo

Porto Viro, commercio: “Un’app per lo sviluppo

L’assessore Mantovan pensa ad una svolta 2.0. Con Confesercenti sta predisponendo bandi per le imprese

Negozi

I commercianti di Porto Viro hanno prodotto di loro iniziativa un video composto di innumerevoli spezzoni in cui ogni titolare di attività pronuncia le parole #iocisono. Una testimonianza che vuole sottolineare la drammaticità della situazione post Covid19. L’assessore Mantovan ha in questo senso indetto una riunione della Consulta comunale del turismo e del commercio – deleghe di sua competenza – per discutere del futuro delle attività produttive.

Porto Viro, la proposta: un’App per il commercio

Tra le proposte, e visto che l’online sembra essere al momento la via più naturale, si è pensato di sviluppare una app – facile da usare anche per i poco avvezzi alla tecnologia – che metta in rete tutte le attività locali per sponsorizzarsi e presentarsi. Un’idea di commercio 2.0 utile e da potenziare, che Mantovan ha detto di aver mutuato da una start up di giovani del trevigiano e che sarebbe a spesa zero reinvestendo 5000 euro destinati dal Distretto del Commercio alla tradizionale Festa del tartufo, ovviamente saltata quest’anno a causa della pandemia.

L’assessore ha inoltre rivelato di essere in contatto con Confesercenti, che sta predisponendo bandi tagliati sulle esigenze delle imprese per accedere a finanziamenti; l’associazione si è detta disponibile ad una videocall con i commercianti della città per spiegare la struttura di tali bandi. Mantovan ha poi relazionato sulle tre imposte comunali che coinvolgono le attività produttive: se sulla TARI c’è la possibilità di ridurla, su quella della pubblicità e sulla COSAP (plateatico) bisognerà aspettare l’avanzo di amministrazione di fine maggio.

Sempre riguardo ai plateatici un altro spunto potrebbe essere l’utilizzo di parcheggi e piazze come spazi all’aperto per i bar, in un’ottica di riaperture vincolate dai distanziamenti tra gli utenti. Con uno sguardo già oltre l’estate si sta poi lavorando per la chiusura della VenTo a Porto Viro che porterebbe in città centinaia di cicloturisti, ed infine l’interesse a celebrare i 25 anni della rinascita di Porto Viro.

Fabio Pregnolato

Le più lette