Home Veneziano Miranese Nord Scorzè: taglio di tasse e contributi, aiuti alle imprese in difficoltà

Scorzè: taglio di tasse e contributi, aiuti alle imprese in difficoltà

Il Comune di Scorzè ha messo in campo aiuti fino a mezzo milione di euro. Dal Pd una proposta per aiutare le imprese a pagare gli affitti dei locali

Scorzè

L’amministrazione di Scorzè ha messo in campo una serie di aiuti economici straordinari per sostenere le piccole imprese locali, colpite dalle chiusure durante l’emergenza coronavirus. È il primo Comune della zona ad approvare un piano così corposo, stanziando complessivamente una cifra che si aggira intorno al mezzo milione di euro.

“Per noi è importantissimo dare una mano alle imprese – spiega il sindaco Nais Marcon – perché sappiamo quanto sono in difficoltà e quanto bisogno c’è. Se non si riprendono loro, il nostro territorio è morto, senza lavoro e senza possibilità di rialzarsi. Anche la stessa amministrazione comunale ne soffrirebbe, perché riceverebbe meno tasse, in un circolo che parte dalle aziende, tocca i cittadini che lavorano e arriva al Comune. Vogliamo dare sostegno e un segnale di speranza alle imprese fermate dal virus”.

Scorzè, investimenti per agevolare le attività

Un investimento importante, articolato in due interventi distinti. 150mila euro sono destinati a ridurre la Tari (imposta comunale sui rifiuti) di circa due mensilità, per tutte le attività sospese dai decreti del governo. L’agevolazione sarà applicata in automatico già dalla prima rata, in scadenza il 1° luglio. Il secondo stanziamento, ancora più sostanzioso, è di 330mila euro, che saranno distribuiti con contributi una tantum sotto forma di esenzione dai tributi comunali. Fino al 1° giugno potranno fare richiesta i titolari di piccole imprese scorzetane costrette a chiudere durante il primo mese dell’emergenza, comprese quelle che hanno chiuso di propria iniziativa. Il finanziamento avrà un valore massimo di 440 euro (ridotti del 10% per chi ha lavorato solo con consegne a domicilio), che sarà inferiore nel caso in cui le domande eccedano l’importo totale stanziato. La misura è stata accolta con favore anche dall’opposizione, che in consiglio ha votato insieme alla maggioranza sul regolamento che disciplina l’erogazione dei contributi.

“Abbiamo ritenuto di votare a favore nell’interesse delle imprese di Scorzè”- dice il capogruppo Pd Dario Zugno, che però si attende una discussione più approfondita sui criteri in commissione. Il Pd, inoltre, ha avanzato una proposta per aiutare le piccole imprese a pagare gli affitti dei locali. Si tratterebbe di raccogliere donazioni economiche da concedere in prestito alle attività, che userebbero il denaro per pagare affitti e bollette, restituendolo a interessi zero qualche anno dopo.

Carlo Romeo

Le più lette