Home Padovano Conselvano Tribano: polo sociale con la Croce Rossa

Tribano: polo sociale con la Croce Rossa

Tribano ha affidato al comitato Croce Rossa di Due Carrare le ex scuole di Olmo riqualificate nei mesi scorsi

Presentazione dell’Iniziativa

Un nuovo spazio per volontariato e le attività sociali sul territorio. Firmata la convenzione tra il sindaco di Tribano, Massimo Cavazzana, e il vice presidente di Croce Rossa Due Carrare, Anthony Addis, per aprire un nuovo polo sociale che coordinerà le iniziative del territorio comprendente 14 comuni della Bassa Padovana. Con questa firma il comune di Tribano ha affidato in comodato le ex scuole elementari di Olmo di Tribano, riqualificate nei mesi scorsi subito dopo l’insediamento della nuova giunta. Cavazzana sottolinea che la nuova sede permetterà di organizzare meglio tutte le attività sociali rivolte alle nostre comunità e diventerà punto di riferimento per le assistenze sociali e per le attività di formazione rivolte alla popolazione e ai volontari di Croce Rossa.

Il polo sociale di Tribano migliorerà le attività di supporto della Croce Rossa

In particolare per i giovani e per tutti coloro che si renderanno disponibili ad imparare e diffondere le conoscenze sanitarie e sociali da applicare direttamente sul territorio. Spiegano dal comitato Cri Due Carrare: “Grazie a questo polo sociale ci sarà possibile fin da subito implementare e migliorare le nostre attività di supporto sociale alla popolazione che, soprattutto in questo periodo, stiamo svolgendo sul territorio. Siamo certi che, grazie a questa nuova iniziativa riusciremo a far sentire maggiormente la presenza della Croce Rossa sul territorio, “ovunque e per chiunque”. Nella sede sarà anche possibile organizzare, non appena le normative ce lo permetteranno, attività formative in ambito sanitario e sociale”.

Un punto di riferimento per 14 Comuni con attività formative e azioni per l’assistenza

L’impegno preso con il comune prevede specifiche azioni da svolgere in ambito di assistenza sanitaria, eventi formativi, attività sociali, formazione scolastica, corsi sugli stili di vita, attività coordinate con la Protezione Civile, progetti a sostegno degli anziani, delle neo mamme e della cittadinanza, corsi primo soccorso, tutto questo replicato negli anni. Il presidente, Sabrina Farisato, conferma che il Comitato impiegherà tutte le energie dei volontari per riuscire e replicare detti servizi sull’ intero territorio. “Avremo bisogno dell’aiuto di tutti per poter migliorare il Polo Sociale. Chiunque vorrà aiutarci diventando volontario o sostenendoci economicamente potrà farlo. L’ ambizioso progetto attende ora nuovi volontari. Questo sarà il primo obiettivo da perseguire in questi mesi”.

Cristina Lazzarin

Le più lette