Home Padovano Padova Nord Vigodarzere: Lucia Vettore per quarant’anni vicina alle necessità delle famiglie

Vigodarzere: Lucia Vettore per quarant’anni vicina alle necessità delle famiglie

L’omaggio del paese a Lucia Vettore, storica figura di riferimento dei Servizi Sociali, arrivata alla pensione

Lucia Vettore

Per quarant’anni vicina ai bisogni della gente, e “cuore pulsante” dei servizi all’infanzia e alla popolazione adulta avviati dal Comune di Vigodarzere. Lascia davvero un’eredità “pesante” Lucia Vettore, figura “storica” delle Politiche sociali che ha tagliato lo scorso 30 aprile il traguardo della pensione. L’entusiasmo e la dedizione ai bisogni dei cittadini, in particolare di quelli più in difficoltà, sono stati l’elemento che ha contraddistinto il suo lavoro.

Lucia, come “decana” dei servizi comunali, è stata per anni al centro organizzativo di un vasto lavoro concretizzatosi in importanti iniziative per la collettività. Oltre ai servizi scolastici ha supportato lo sviluppo dell’asilo nido. Instancabile, poi, l’apporto nelle politiche assistenziali che, oltre a porla al centro di una fitta serie di interventi per le emergenze abitative, per i bisogni degli anziani e dei nuclei in difficoltà, non ha trascurato progettualità importanti, in particolare per infanzia e adolescenza. L’impegno civico, svolto per anni nelle vesti di consigliera comunale a Cadoneghe (di cui tuttora ricopre la carica nelle file dell’opposizione), hanno costituito un valore aggiunto al suo operato soprattutto nella realizzazione di iniziative per la tutela delle pari opportunità e nella istituzione dello sportello Donna.

Lucia Vettore, il riconoscimento del sindaco di Vigodarzere

“Lucia Vettore – ha riconosciuto il sindaco Adolfo Zordan – ha lavorato sino all’ultimo giorno della sua carriera con l’entusiasmo di chi la inizia. Non è un caso che oltre alla stima e alla considerazione delle amministrazioni che si sono succedute, abbia conquistato anche quella di tantissimi cittadini che ha guidato ed assistito”. La festa che i suoi colleghi avrebbero voluto organizzare è solo rimandata al termine dell’emergenza coronavirus”. “Il nostro grazie – ha aggiunto l’assessore alle Politiche sociali, Monica Cesaro – è però immediato e grandissimo, come solo può essere quello dovuto a una vera “colonna” del nostro Comune”. (n.m.)

Le più lette