Home Veneziano Riviera del Brenta Artigiani Riviera del Brenta, superate le 200 domande di contributo

Artigiani Riviera del Brenta, superate le 200 domande di contributo

Sono oltre 200 le domande di contributo pervenute all’ Associazione Artigiani e Piccola Impresa Città della Riviera del Brenta in queste ultime settimane, nel comprensorio dei 10 comuni dell’area, dopo la ripartenza dalla fine del lockdown

Giorgio Chinellato

A fare il punto della situazione è il segretario dell’associazione Giorgio Chinellato.“Sono pervenute fino ad ora – spiega Chinellato – da tutte le categorie, oltre 200 domande di contributo a fondo perduto che sono state predisposte dall’Associazione nei confronti delle aziende iscritte. Sono stati dati complessivamente contributi e prestiti per 250 mila euro che hanno variato da , da zero, a qualche migliaio di euro, fino, in base al calo del volume d’affari dell’azienda coinvolta, a 20 mila euro”.

Le parole del segretario dell’associazione Giorgio Chinellato

Ma non solo. “In queste settimane inoltre va segnalato – sottolinea Chinellato- non è mancato il ricorso massiccio per i lavoratori del settore alla cassa integrazione. In tutti i settori, i titolari delle imprese artigiane ne hanno fatto uso. Sono così oltre un migliaio i dipendenti delle imprese artigiane della Riviera del Brenta che attualmente usufruiscono di ammortizzatori sociali per i propri lavoratori e continueranno a farlo anche nei prossimi mesi”.

In questo periodo hanno risentito della crisi in particolar modo il settore della calzatura, del turismo e di tutto l’indotto collegato, dell’ autoriparazione e della meccanica e della cura della persona come parrucchieri barbieri ed estetiste. Gli artigiani della Riviera del Brenta sperano in una ripresa importante a settembre di tutti i settori, in particolar modo anche del comparto dell’edilizia che conta nell’associazione comprensoriale 120 aziende iscritte. “Le aziende edili e dell’indotto, in particolar modo potranno utilizzare gli incentivi degli ecobonus al 110 % , rilanciando un settore così- conclude Chinellato – che era stato pesantemente colpito anche dalla crisi economica del 2008“.

Le più lette