Home Breaking News Bus, ripartono i servizi nel Miranese Nord

Bus, ripartono i servizi nel Miranese Nord

Ripresa lenta per i trasporti pubblici dopo la fine dell’emergenza: per il momento varie linee dell’Actv restano sospese creando disagi ai cittadini, soprattutto quei pendolari che non possono utilizzare l’automobile

Servizi bus

Nel Miranese Nord le corse ancora assenti sono 2E (Scorzè-Rio San Martino), 4E (Noale-Salzano-Mirano), 4DE (il diretto Noale-Salzano-Mirano-Catene-Venezia), 11E (Mirano-Maerne-Martellago- Scorzè) e 16E (Trebaseleghe-Scorzè). Inoltre alcuni percorsi sono a mezzo servizio: su tutti l’HE, che congiunge gli ospedali di Mirano e Noale con i Comuni circostanti, attivo con sole 3 corse all’andata e altrettante al ritorno (mattino presto, metà giornata e tardo pomeriggio).

Proprio sui bus HE e 2E, oltre al 12E per Mogliano, si è focalizzata la raccolta firme promossa da metà giugno da alcuni residenti di Scorzè, che chiedevano al sindaco Nais Marcon di attivarsi per il ritorno degli orari pre-Covid. Richiesta prontamente accolta dalla prima cittadina, che ha scritto ad Actv ottenendo il ripristino della linea 12E, con 5 corse andata e ritorno ogni giorno a partire dal 1° luglio. Dalla stessa data è stata aggiunto anche un bus mattutino (alle 5.40) sulla linea 6E, che porta da Scorzè a Mestre passando per Martellago.

Le parole del sindaco di Scorzè

“Queste linee sono importanti soprattutto per gli operai che devono andare al lavoro e non hanno altri collegamenti – commenta Marcon. Intanto Actv ha riattivato quella per Mogliano dalle 6 del mattino, pian piano stiamo tornando alla normalità. Inoltre mi è stato garantito che appena possibile tornerà anche il 2E per Rio San Martino e verrà potenziato l’HE per l’ospedale di Noale. Speriamo che ci voglia poco, Actv sta facendo il possibile, ma deve anche cercare di mantenere i bilanci in ordine (dopo le perdite a causa del Covid, ndr). Tutto sommato la strada è quella giusta e speriamo che per settembre, se non prima, si possa tornare alla normalità”.

Carlo Romeo

Le più lette